Mercoledì 07 Ottobre 2009

Crisi/ Epifani: Ora è più pesante, aiuti per ripresa investimenti

Roma, 7 ott. (Apcom) - La crisi "ora sta diventando più visibile e più pesante" e il suo impatto "crescerà ancora". Per questo occorre "difendere la produzione e l'occupazione e studiare "incentivi per far riprendere la leva degli investimenti". Così il leader della Cgil, Guglielmo Epifani, a margine di un convegno del sindacato commenta le parole del ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola sugli incentivi al settore auto e sull'episodio allo stabilment0 della Alstom a Colleferro. "C'è bisogno di avere qualche idea di politica industriale in Italia - osserva il segretario generale della Cgil - occorre intervenire sulla domanda con criterio, difendere la produzione e l'occupazione, non bisogna chiudere stabilimenti e ridurre personale". Visto il calo degli investimenti, sottolinea Epifani, "occorre avere incentivi per far riprendere la leva degli investimenti e orientare parte dei beni intermedi statali, che rappresentano una quota importante della domanda, con dei diversi criteri. Mi riferisco per esempio a Tlc, infrastrutture e materiale ferroviario". Quanto all'episodio avvenuto ieri alla Alstom a Colleferro, in cui dei cassintegrati hanno trattenuto i manager nello stabilimento per alcune ore, Epifani spiega che la crisi "ora sta diventando più visibile e più pesante e quello che avevamo indicato si sta avverando". L'impatto della crisi, insiste, "crescerà ancora, soprattutto sulle Pmi l'impatto è molto forte. Bisogna concentrarsi sul problema della crisi, il governo deve fare di più, ha fatto troppo poco. Tutti i paesi affrontano il tema della riduzione fiscale per i lavoratori, noi siamo al palo". Val/Ber

MAZ

© riproduzione riservata