Venerdì 16 Ottobre 2009

Informazione, su sfondo tensioni il mondo dei media da Napolitano

Roma, 16 ott. (Apcom) - "Senso della misura e del limite non può significare in nessun campo, anche di fronte a serie vicende e questioni di interesse generale, conformismo, censura o autocensura, rinuncia spontanea o subita all'esercizio della libertà di giudizio, anche e in modo particolare in senso politico". L'appello porta la firma del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, è datato 15 ottobre 2008 ma conserva intatta tutta la sua attualità. E' il monito che il Capo dello Stato lanciò l'anno scorso durante la Giornata dell'informazione e che quest'anno, alla vigilia dell'udienza in Quirinale con il mondo dei media, appare pieno di riferimenti al dibattito in corso. Oggi Napolitano riceverà nel salone dei Corazzieri il sottosegretario di Stato con delega all'editoria Paolo Bonaiuti, il presidente dell'ordine dei giornalisti, Lorenzo Del Boca, il presidente della Federazione nazionale della stampa, Roberto Natale ed esponenti delle associazioni del mondo dell'informazione e dell'editoria. Sarà l'occasione anche per incontrare i rappresentanti della quindicina di premi giornalistici che hanno ottenuto l'adesione della presidenza della Repubblica e che Napolitano, ormai da tre anni, ha deciso di ricevere in un'unica occasione al Colle e nella cornice più complessiva della Giornata dell'informazione. Il Presidente rivolgerà un discorso sui problemi dell'informazione alla luce del binomio libertà-responsabilità, sul nodo sempre doloroso dei tagli all'editoria, sul pluralismo dell'informazione.

Vep

© riproduzione riservata