Domenica 18 Ottobre 2009

Mafia/ Grasso: La trattativa ha salvato molti politici

Roma, 18 ott. (Apcom) - La trattativa con la mafia ha "salvato la vita a molti politici". Lo afferma il procuratore nazionale antimafia, Piero Grasso, intervistato dal quotidiano 'La Stampa' a proposito dell'evolversi delle vicende legate alla presunta trattativa tra Stato e Mafia. Secondo Grasso "le indagini precedenti avevano in qualche modo accertato l'esistenza di un tentativo di Cosa nostra di entrare in contatto col potere politico. E' processuale - afferma Grasso - il contatto degli ufficiali del Ros, Mori e De Donno, con Vito Ciancimino. Ed è processualmente accertato che alla mafia, in cambio della resa dei vertici, cioè della cattura di Riina e Provenzano, fu offerto un 'ottimo trattamento per i familiari', un 'ottimo trattamento carcerario' e una sorta di 'giusta valutazione delle responsabilità', per dirla con le parole del'allora capitano De Donno". Grasso poi aggiunge che il papello "di cui si parla tanto" potrebbe essere essere stato anticipato da un 'papellino' "consegnato ai carabinieri del Ros, al col. Mori che nega l'episodio, da uno strano colaboratore dei servizi che chiedeva l'abolizione dell'ergastolo per i capimafia Luciano Liggio, Giovambattista Pullarà, Pippo Calò, Giuseppe Giacomo Gambino e Bernardo Brusca". "Anche quelle richieste - conclude Grasso - finirono nel nulla perchè irrealizzabili. Tranne poi a fare la ricomparsa in forma addirittura ampliata".

Nes

© riproduzione riservata