Domenica 18 Ottobre 2009

Mafia/Grasso: Ci fu trattativa perchè c'era ricatto

Roma, 18 ott. (Apcom) - La trattativa con la mafia nei primi anni '90 c'è stata ed anzi Cosa Nostra aveva capito di poter ricattare lo Stato. A sostenerlo è il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso, intervistato dal Tg 3 della sera. "Quando Riina dice a Brusca, come lui ci riferisce, che 'si sono fatti sotto' vuol dire che è scattato il meccanismo di ricatto nei confronti dello Stato: la strage di Falcone ha funzionato in questo modo. L'accelerazione probabile della strage di Borsellino può allora essere servita a riattivare, ad accelerare la trattativa con i rappresentanti delle istituzioni", dice infatti Grasso. Per il procuratore "il momento era terribile, bisognava cercare di fermare questa deriva stragista che era iniziata con la strage di Falcone: questi contatti dovevano servire a questo e ad avere degli interlocutori credibili. Il problema - continua - è di non riconoscere a Cosa nostra un ruolo tale da essere al livello di trattare con lo Stato, ma non c'è dubbio che questo primo contatto ha creato delle aspettative che poi ha creato ulteriori conseguenze". In ogni caso dopo l'arresto di don Vito Ciancimino e Riina "le stragi prendono un'altra strada, ma continuano. Io ritengo - conclude Grasso - che ci sia sempre un unico filo che collega le stragi iniziali, come l'omicidio Lima, a tutte le altre, tra cui quelle mancate dell'attentato all'Olimpico". Sav

MAZ

© riproduzione riservata