Martedì 20 Ottobre 2009

Teo Teocoli: Sogno Sanremo e un musical su Celentano

Roma, 20 ott. (Apcom) - Teo Teocoli è pronto a tornare nei teatri d'Italia con il nuovo one man show 'La Compagnia dei Giovani', da lui scritto, diretto e realizzato. Il tour partirà dal Teatro Bellini di Napoli dal 28 al 31 ottobre. "Nello spettacolo il più giovane sono io - ha raccontato questa mattina Teocoli in conferenza stampa - si parte dai 65 in su. Con me ci saranno Toto Cotugno, Toni Dallara, Mario Lavezzi ed altri. Toni Dallara l`ho voluto con me perché ha un passato importante e ha tanto da raccontare. Nicola di Bari è ancora un mito in Sudamerica, Toto Cotugno è numero uno in Russia. Noi li abbiamo dimenticati, ma in altri paesi come Giappone e America Latina sono dei miti. Io voglio ricordare i grandi artisti dimenticati. Adesso c`è un`alluvione di immagini e la gente si distrae. La memoria si accorcia e i personaggi vengono dimenticati". Teocoli ha poi accennato ad un suo progetto futuro e ha parlato un po' del suo rapporto con Adriano Celentano. "Adriano Celentano è tuttora uno dei numeri uno, però vorrei sfatare il mito di questa grande amicizia tra noi. Diciamo che lui e la Mori sono un po` egoisti, se speri che farai carriera accanto a lui stai fresco. Per me questo sarà l'ultimo anno di tourneè, poi cercherò di darmi una calmata e farò scelte più tranquille. Io o sono generoso, o sono narciso, ma sul palco ci sto più di 2 ore. Non dico che sento la fatica, ma evidentemente avrò bisogno di un anno di riposo dove vorrei scrivere un musical, guarda caso avevo pensato alla vita di Celentano, partendo dalle sue canzoni più vecchie per raccontare un'epoca. Caterina Caselli, che possiede la metà dei diritti delle canzoni mi ha detto di sì e che mi sarebbero costate molto, ma Celentano non mi ha dato i diritti. Al momento non ho idee per un altro musical, quello di Celentano era un soggetto che io conoscevo a fondo, non sono un grande inventore io, mi baso sempre sulla mia vita artistica vissuta e su quello che girava intorno a me".

CAW

© riproduzione riservata