Lunedì 26 Ottobre 2009

Gay/ 30enne aggredito a Ostia,Arcigay: Basta,partiamo da scuole

Roma, 26 ott. (Apcom) - Aggressione a sfondo omofobo la notte tra venerdì e sabato scorsi a Ostia, sul litorale romano. Un giovane di trent'anni, critico musicale, sarebbe stato pestato violentemente da tre ragazzi, forse 'attirati' solo dal suo modo di vestire alternativo. I tre lo hanno assalito alle spalle, colpendolo a calci e pugni: il trentenne è poi riuscito a divincolarsi e a raggiungere un vicino commissariato di Polizia, prima di essere trasportato in ospedale dove i medici gli hanno diagnosticato la rottura del setto nasale, di una costola e traumi allo zigomo. La storia è raccontata oggi da Il Messaggero. "Quando mi hanno visto mi hanno fatto il saluto romano - racconta la vittima al quotidiano - io ho fatto finta di niente e ho continuato a camminare per la mia strada", ma i tre lo hanno seguito, fino ad aggredirlo: "Sono arrivati alle spalle, mi hanno urlato 'frocio comunista' e poi mi hanno massacrato alle spalle. Pensavo che mi avrebbero ammazzato". "E' orrendo. Un assurdo episodio di intolleranza. Un uomo, inseguito, quasi braccato e poi picchiato selvaggiamente nel cuore della notte", commenta in una nota il presidente di Arcigay Roma, Fabrizio Marrazzo: "Come raccontano oggi i giornali, l'abbigliamento della vittima ha fatto pensare ai suoi aggressori che fosse gay e questo è bastato a scatenarli. Dobbiamo tutti domandarci come è stato possibile arrivare a questo punto. Contro questo clima di intolleranza occorrono risposte forti e immediate perché la nostra città non ne può davvero più. Rilanciamo di nuovo l'appello alle istituzioni: si parta subito con iniziative educative e di formazione a cominciare dalle scuole del territorio e - conclude Marrazzo - in grado di coinvolgere tutta la nostra comunità. Non possiamo attendere oltre".

Red/Sav

© riproduzione riservata