Venerdì 30 Ottobre 2009

Regionali/Pdl:quasi fatta su Polverini,sale Cosentino in Campania

Roma, 30 ott. (Apcom) - Praticamente fatta per Renata Polverini candidata del Pdl nel Lazio, mentre per la Campania è sempre più probabile la candidatura di Nicola Cosentino. Iniziano a delinearsi le candidature del centrodestra, almeno nel Sud, visto che per la Puglia è sempre in pole il magistrato Stefano D'Ambruoso, e in Calabria è certa la corsa di Giuseppe Scopelliti, attuale sindaco di Reggio Calabria. Sul nome di Renata Polverini, è arrivato due giorni fa il via libera pubblico di Silvio Berlusconi, che ha avuto parole di grande elogio per la segretaria dell'Ugl. Un benestare confermato in una telefonata con Gianfranco Fini. Più complicata la partita in Campania: Nicola Cosentino, su cui Fini aveva posto problemi di "opportunità", è sempre il nome più probabile, anche se continuano a circolare ipotesi alternative come Pasquale Viespoli e Stefano Caldoro. Nel Nord la 'quadra' si definirà non prima della prossima settimana, con l'atteso incontro tra Silvio Berlusconi, Gianfranco Fini e Umberto Bossi. Da registrare ieri l'appoggio esplicito di Gianni Letta per la riconferma di Giancarlo Galan in Veneto e il sondaggio di Crespi che indicava il pidiellino Enzo Ghigo come candidato vincente in Piemonte, dando per perdente il leghista Roberto Cota. Indicazioni che qualcuno in Transatlantico interpreta come segnali di un improvviso cambio di scenario, con la Lega che strappa la candidatura in Lombardia e il Pdl che tiene Piemonte e Veneto, con l'ipotetica nomina di Formigoni a ministro. Un quadro che viene anche motivato politicamente: al Pdl conviene cedere il candidato in Lombardia, dove il partito 'tiene' comunque, e conservarlo in Veneto, dove la candidatura leghista rischia di far franare i consensi del Popolo delle Libertà. Ma i protagonisti della trattativa, sia dal lato Pdl che dal lato del Carroccio, liquidano l'ipotesi, dando per certa la candidatura di un leghista in Veneto e di Formigoni in Lombardia; sul Piemonte si deciderà la prossima settimana, dicono le stesse fonti, nell'incontro tra i leader: l'ago della bilancia sarà l'accordo con l'Udc, decisivo per la vittoria.

Rea

© riproduzione riservata