Sabato 31 Ottobre 2009

Ue/ D'Alema: Non è questione tra me e Berlusconi, partita europea

Roma, 31 ott. (Apcom) - La scelta del prossimo 'ministro degli Esteri' dell'Unione europea "non è una questione tra Berlusconi e D'Alema, perchè è una partita molto difficile e ci sono molti candidati": lo precisa lo stesso Massimo D'Alema, candidato dai socialisti europei al ruolo di rappresentante Ue per la Politica estera e di sicurezza comune (Pesc). "Leggendo i giornali italiani - afferma D'Alema intrattenendosi con i cronisti all'uscita di un bar al centro di Roma - sembra che si decida tutto qui, e invece no, ci sono 27 paesi membri. Adesso vedremo, saranno giornate complicate e meno ne parliamo, meglio è. E' una corsa con molti candidati anche molto autorevoli". D'Alema ha peraltro ribadito il proprio apprezzamento per la disponibilità espressa dal premier Berlusconi a sostenere la sua candidatura come Mr Pesc. "E' una cosa normale", ha detto, "vorrei far presente che il presidente della Commissione europea, che era un conservatore, è stato nominato da un governo socialista e che non appena si è profilata la possibilità che il ministro degli Esteri sia socialista, il presidente della Repubblica francese, che è un conservatore, si è dichiarato disponibile a nominare un socialista francese. Non c'è nessun paese in cui esisterebbe questo problema, solo da noi. Dò però atto al governo - ha concluso l'ex premier - di essersi comportato esattamente come ci si comporta negli altri paesi europei. Questo è un fatto molto positivo". Ma il capo della diplomazia di Londra, David Miliband, piace molto ai socialisti europei e per la stampa internazionale resta il favorito per il prestigioso incarico.

Ska/Lux

© riproduzione riservata