Sabato 31 Ottobre 2009

Halloween/ Le zucche stanotte sono 'regine', ma ottime a tavola

Roma, 31 ott. (Apcom) - Le zucche rosse sono 'regine' nella notte di Halloween, ma a tavola sono ottime tutto l'anno, e adesso costano anche meno. Gli oltre milioni di bambini e adolescenti e almeno due milioni di adulti che festeggiano la notte di Halloween quest`anno hanno risparmiato sull`acquisto delle zucche vere, che sono più convenienti del passato con prezzi attorno all'euro al chilo, anche se con valori più alti per quelle ornamentali e per quelle già tagliate da utilizzare in cucina nella preparazione di prelibati banchetti. Lo afferma la Coldiretti in occasione della tradizionale ricorrenza originaria del Nord America, celebrata tra il 31 ottobre ed il 1 novembre che, dopo aver preso piede man mano anche in Italia, fa registrare quest`anno un aumento del 5% nei consumi per una spesa di 400 milioni destinati soprattutto a feste, party, allestimenti, maschere e gadget. Quest`anno i prezzi riconosciuti agli agricoltori sono calati con la produzione nazionale stimata in leggero aumento rispetto ai circa 60 milioni di chili di zucche (oltre un chilo a testa), che sono coltivate soprattutto in Lombardia (Mantova, Cremona, Brescia), Emilia-Romagna (Ferrara), Veneto (Venezia) e Campania. Si tratta per la quasi totalità - precisa la Coldiretti - di prodotti destinati al consumo alimentare anche se non manca la coltivazione di varietà di zucche a scopi ornamentali o da "competizione" con esemplari che possono arrivare anche a 400 chili di peso. Per preparare una zucca stregata occorre scegliere - suggerisce la Coldiretti - una bella zucca dal peso compreso tra i cinque e i dieci chili, rotonda senza imperfezioni perché, più liscia è la superficie, più facile è intagliarla. Con uno scalpello a forma di V bisogna tracciare le linee sul volto della zucca e con un coltello da cucina ben affilato e non troppo flessibile occorre scavare per intagliare i tratti del "volto" in modo da ricavare dei fori da dove fuoriesca la luce. Per inserire al suo interno una candela accesa è sufficiente scavare un buco sul fondo della zucca per ricavare una via d'entrata senza rovinare "l'opera d'arte". Per chi volesse conservare a lungo il ricordo della magica notte delle streghe deve una volta alla settimana passare sulla parte esterna un po' di olio vegetale con un panno morbido e lasciarla in un luogo fresco e asciutto. Successivamente ogni 4-5 giorni immergerla in acqua fresca. In caso di aria particolarmente secca, in casa, di notte è consigliabile coprire la zucca con un panno umido. In realtà Italia la zucca si acquista più per gola che per far paura e a promuoverla sono soprattutto le numerose sagre e feste paesane che interessano diverse regioni italiane e che si svolgono proprio in questo periodo, piuttosto che la festa di Halloween. La convenienza economica, la versatilità del suo uso in cucina e l`elevato contenuto in antiossidanti come la vitamina A sono tra le motivazioni che ne guidano l`acquisto. L'ortaggio più grande del mondo rappresenta da tempo in Italia una realtà produttiva e gastronomica fortemente radicata sul territorio. Le specialità alimentari con la zucca o con la sua farina - informa la Coldiretti - sono svariate, tra le tante l'utilizzazione più "nobile" è quella dei celebri tortelli di zucca (nelle diverse versioni, con mostarda, marmellata, amaretti o mandorle) per i quali è necessaria una zucca dolce, compatta, non granulosa e un po' farinosa. Ma gettonatissimi sono il risotto e le minestre alla zucca, gli gnocchi e il pane di zucca, la zucca fritta, al forno o ridotta in purè, la crostata di zucca e infine come leccornia i suoi semi tostati e salati. I caplaz in Emilia, la farinata in Liguria, gnocchi e tortelli in Lombardia, la pasta con la varietà napoletana della Campania, quella gialla con peperoni e aglio in Abruzzo, il macco in Sicilia sono infatti solo alcune delle molte ricette tradizionali a base di zucca che - concluso la Coldiretti - si possono gustare per festeggiare anche a tavola la magica notte di Halloween.

Red/Apa

© riproduzione riservata