Sabato 31 Ottobre 2009

Calcio/Livorno-Inter,Mourinho:Turnover minimo contro Mago Merlino

Roma, 31 ott. (Apcom) - Domani contro il Livorno "turnover minimo, come sempre" e "senza pensare" all'impegno di mercoledì sera contro la Dinamo Kiev in Ucraina e per la Champions League: Jose Mourinho vuole dalla sua Inter il massimo dell'impegno al Picchi nell'undicesima giornata del campionato di Serie A, contro un avversario reduce da due vittorie in classifica e guidato in panchina "da Mago Merlino". Una battuta, quella del tecnico portoghese, per sottolineare il ruolino di marcia del nuovo allenatore amaranto Serse Cosmi. "Ma anche prima del suo arrivo avevano pareggiato in casa con il Milan, non erano una squadra facile, non erano stati fortunati", ha detto oggi Mourinho in conferenza stampa. "Lavoravano per quello che era il loro potenziale, anche il vecchio allenatore lavorava bene. Sono una squadra solida, difendono in tanti, si presentano in attacco tre o quattro volte e poi se segnano si chiudono ancora di più. E in quello stadio, anche se non ci ho mai giocato prima, c'é un'atmosfera non facile. Sarà una partita difficile". Fuori dalla lista dei convocati Davide Santon, "è una scelta tecnica, non è tranquillo e le bugie sui giornali non lo aiutano", e Mario Balotelli per la febbre, "non sta bene, è ancora debole", ha specificato Mourinho. Che a proposito del rischio contagio influenza ha spiegato come lo staff medico stia trattando il caso Balotelli con molta attenzione, ma che in questo caso "serve anche fortuna". Abile e arruolato, a dispetto del dolore al piede, l'attaccante camerunense Samuel Eto'o, "sta migliorando", mentre è praticamente escluso anche per mercoledì il recupero del fantasista olandese Wesley Sneijder: "Viene con noi solo se lunedì in allenamento dimostra di poter giocare", ha però specificato Mourinho. E a chi gli ha fatto notare come il percorso dell'Inter in questa stagione sia ancora contraddistinto da alti e bassi, il tecnico nerazzurro ha spiegato: "Rispetto alla scorsa stagione la squadra ha un pensirero di gioco completamente diverso. Costruiamo da dietro, con un altissimo possesso di palla a centrocampo. Perché gli attaccanti hanno bisogno di questo. Pratichiamo un calcio più bello, cerchiamo di vincere lo scudetto con gioco migliore rispetto allo scorso anno". Chiusura dedicata a Marco Materazzi, molto poco utilizzato tra lo scorso anno e l'avvio di questa stagione, ma definito giocatore "imprescindibile" dal tecnico. "E' un ragazzo intelligente, sa di avere avuto una carriera fantastioca e di ricoprire ora un ruolo importante nella rosa e per il suo allenatore", ha detto Mourinho. "Quando gioca lo fa sempre bene. Lo considero imprescindibile, perché non lo sono solo quelli che giocano sempre".

CAW

© riproduzione riservata