Venerdì 06 Novembre 2009

Sparatoria Texas/ Strage opera di ufficiale con nome arabo

New York, 6 nov. (Apcom) - Un ufficiale con un nome arabo in partenza per una missione in Iraq o Afghanistan è l'autore della strage avvenuta ieri alla base militare di Fort Hood, in Texas. Il maggiore Nidal Malik Hasan, di 39 o 40 anni, è stato ferito dai militari della base, dopo che aveva aperto il fuoco in un'area della base dove avviene lo smistamento dei soldati in partenza e in arrivo dalle missioni di guerra. Altri due sospetti, anch'essi militari, sono stati prima fermati e poi rilasciati. Il maggiore in un primo momento era stato dato per morto, poi il generale Cone che comanda la base ha chiarito che è ferito e si trova in un ospedale in condizioni definite "stabili". Funzionari della base hanno rivelato che le indagini puntano a determinare se Hasan sia il nome di battesimo dell'ufficiale, o se sia stato cambiato in seguito ad una conversione all'Islam. Secondo quelle fonti Hasan è psicologo o psichiatra dell'esercito, ma non è chiaro se avesse in cura pazienti all'interno della base. Le vittime accertate sono al momento 12, mentre i feriti sono almeno 31. Sarebbero tutti militari. Il generale Bob Cone, che è il comandante della base, ha detto in una conferenza stampa che la sparatoria è iniziata circa alle 13.30 ora locale (le 20.30 in Italia) e che Hasan ha utilizzato due pistole. "E' una tragedia terribile", ha commentato. Fort Hood è la più grande base militare degli Stati Uniti, ed uno dei principali hub di smistamento per i soldati in partenza e in arrivo da Iraq e Afghanistan. Ma è anche una struttura tristemente nota per l'altissimo numero di suicidi e dove dal 2002 si sono verificate altre tre sparatorie mortali. Secondo un'inchiesta dell'inglese Times dal 15 al 30% dei soldati che tornano a Fort Hood dalle missioni soffre di disturbi psicologici dovuti a stress post-traumatico. La base impiega fino a 52.000 militari e 9.000 civili. Dopo la sparatoria tutte le vie d'accesso alla base sono state bloccate. I feriti sono stati portati in diversi ospedali della zona. Fort Hood si trova a metà strada tra Austin e Waco. Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha definito l'episodio "un'orribile esplosione di violenza", parlando dal ministero del Territorio dove partecipava ad una conferenza con i leader di varie tribù di nativi americani. "Sappiamo che numerosi soldati americani sono stati uccisi e molti altri sono stati feriti in quest'orribile esplosione di violenza", ha detto. Obama ha detto di non avere tutte le risposte per ora ma ha promesso che il governo "risponderà ad ogni singola domanda" aggiungendo di essere in contatto costante con il segretario della Difesa Robert Gates e con il capo di Stato Maggiore, l'ammiraglio Mike Mullen.

Fsn-Emc/Ard

© riproduzione riservata