Lunedì 11 Maggio 2009

Ciclismo; Simeoni: Deferimento mi delude, mi ringraziano così

Roma, 11 mag. (Apcom) - La notizia del suo deferimento lo coglie di sorpresa ma non gli toglie la voglia di ridere. La vicenda dell'esclusione dal Giro d'Italia aveva portato Filippo Simeoni a restituire la maglia tricolore, il simbolo del titolo di campione d'Italia conquistato lo scorso anno. Ora, quel gesto carico di disappunto, potrebbe trasformarsi in una sanzione disciplinare. "Mi hanno deferito? Ne prendo atto", ha detto Simeoni ad Apcom, "ma sono talmente deluso dal mio ambiente che questa decisione aggrava ulteriormente la considerazione che ho del mio mondo. Nel ciclismo ci sono tante ingiustizie e nel tempo credo di avere cercato di farle emergere. Beh, questo è il ringraziamento, un deferimento...". Simeoni ha più volte manifestato il sospetto che il mancato invito della sua squadra al Giro sia dovuto ai contrasti avuti in passato con lo statunitense Lance Armstrong, che quest'anno per la prima volta in carriera partecipa al Giro d'Italia. Armstrong, mai sanzionato per violazioni connesse al doping, sarà oggetto di un documentario che il regista statunitense Alex Gibney farà uscire nel 2008. Tra i protagonisti del documentario ci sarà anche Simeoni: "Chissà se gli appassionati di Armstrong guarderanno questo lavoro", ha detto sorridendo Simeoni, "loro mi hanno intervistato proprio l'altro giorno a Venezia per avere una mia testimonianza, sono uscite cose molto interessanti". Simeoni, che invano chiese spiegazioni al direttore della corsa Angelo Zomegnan, il Giro lo segue da spettatore. "Lo sto seguendo, anche perché tengo una rubrica quotidiana sul quotidiano Il Riformista e su un sito internet. Il Giro - ha affermato Simeoni - entra nel cuore, è lo sport della mia vita". Quest'anno il grande favorito sembra essere Ivan Basso, uomo di copertina del Giro con Armstrong a poche settimane dalla fine dei due anni di squalifica per doping. "Basso è un ragazzo che si è assunto delle mezze responsabilità ma ha anche pagato duramente scontando due anni di squalifica, è giusto che abbia una seconda possibilità", ha spiegato Simeoni. I progetti futuri? Con il deferimento, a quanto pare, i programmi di Simeoni si complicano. "Dovevo fare il giro del Belgio a fine mese ma gli organizzatori mi volevano con la maglia tricolore. Il 6 giugno c'è il Trofeo Pantani ma a questo punto non ho certezze, dovrò prima sentire un avvocato".

Grd-Caw

© riproduzione riservata