Lunedì 11 Maggio 2009

Crisi, Confesercenti: prossimi 5 anni a rischio 62mila negozi

Roma, 11 mag. (Apcom) - Recessione e supermarket mettono in difficoltà l'Italia delle botteghe. Nel 2008 la crisi ha cancellato 30mila negozi e nei prossimi 5 anni sono a rischio chiusura 62 mila negozi con la possibile perdita di 150mila posti di lavoro. E' quanto rileva Confesercenti in un dossier pubblicato su Repubblica. "E' la prima volta che si assiste a un saldo negativo; di solito tanti ne chiudevano e tanti ne riaprivano" afferma il presidente di Confesercenti, Marco Venturi. Nei primi tre mesi dell'anno 20mila commercianti hanno già chiuso bottega. La crisi, sottolinea Confesercenti, colpisce tutto il commercio, ristoranti, bar e negozi. Negli ultimi due anni c'è stato un calo del 14,1% per le drogherie, dell'11,9% per le mercerie e dell'8,2% per i fruttivendoli. "Discount e ipermercati sono stati i killer della drogheria sotto casa" commenta Giuseppe Roma, presidente del Censis.

Pie

© riproduzione riservata