Mercoledì 01 Aprile 2009

G20;Il fronte Sarkozy-Merkel: a Londra oggi conferenza congiunta

Roma, 1 apr. (Apcom) - Il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese Nicolas Sarkozy terranno oggi pomeriggio alle 17.30 una conferenza stampa congiunta all'hotel The Berkeley a Londra, alla vigilia del vertice del G20 dedicato alla crisi economica. I due capi di governo si presentano a Londra con il comune intento di opporsi a un documento finale che richieda esplicitamente nuovi investimenti pubblici nell'economia, cioè il piano preferito dal presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, e dal premier britannico Gordon Brown. Sia Merkel che Sarkozy intendono invece insistere su una maggiore regolamentazione del settore bancario, sui tetti agli scivoli d'oro per i grandi manager, su paradisi fiscali e hedge funds. Merkel, in partenza per Londra, ha detto di provare "un mix di fiducia e preoccupazione" e di "non poter escludere" che le richieste di nuovi piani di stimolo siano oggetto di discussione nel corso del vertice, ricordando come la Germania "abbia già fornito un contributo enorme". Ha sottolineato poi che Sarkozy "non vuole un compromesso al ribasso" e che la Germania in questo lo sostiene pienamente. Sarkozy, contrario a nuovi pacchetti di stimoli, ha però dichiarato questa mattina a una radio francese che non è disponibile ad associarsi a nessun "falso compromesso". Il G20, dice il capo dello stato francese, deve mettere a punto "regole nuove" per il sistema economico e finanziario altrimenti sarà solo un'occasione perduta o una menzogna: ieri il presidente francese aveva minacciato di "sbattere la porta" e andarsene dal vertice se non ci saranno decisioni serie: "Non mi associerò a un summit che si concludesse con un comunicato finale di falso compromesso eludendo i problemi che ci attanagliano" ha aggiunto facendo l'esempio dei paradisi fiscali. L'Eliseo peraltro ha fatto sapere che nel corso di una conversazione telefonica, Sarkozy e Brown si sono detti d'accordo per trovare "maggiori regole finanziarie" e per un controllo dei paradisi fiscali. Fra gli sherpa che stanno lavorando al comunicato finale del G20 di Londra, ha detto Sarkozy, "non è stato ancora raggiunto alcun accordo" ma i documenti circolati sinora "non piacciono nè alla Francia né alla Germania... I conti non tornano".

Aqu/Vgp

© riproduzione riservata