Venerdì 24 Aprile 2009

M.O.; Netanyahu: l'Ue non detterà la politica di Israele

Roma, 24 apr. (Apcom) - Il premier israeliano Benjamyn Netanyahu risponde all'Unione Europea, che ieri ha respinto l'idea di una immediata intensificazione dei rapporti con Israele, in attesa di un chiarimento da parte del nuovo governo di Gerusalemme riguardo alla sua volontà di proseguire il processo di pace e di creare uno Stato palestinese indipendente. Lo riporta il quotidiano israeliano Haaretz. Per Netanyahu i rapporti tra Israele e Unione Europea non devono essere condizionati dal processo di pace, ma in ogni caso, ha detto il premier, l'Europa non detterà la politica allo Stato ebraico. "La pace è nell'interesse di Israele non meno che in quello dell'Europa, e non c'è bisogno di legare l'intensificazione delle relazioni con Israele ai progressi nel processo di pace", ha detto Netanyahu ieri in occasione della visita a Gerusalemme del premier ceco Mirek Topolanek, il cui Paese detiene attualmente la presidenza di turno dell'Ue. "Stiamo rivedendo la nostra politica", ha aggiunto, "non metteteci fretta". Ieri, in conferenza stampa, il commissario europeo per le relazioni esterne Benita Ferrero-Waldner aveva detto: "Noi crediamo che le buone relazioni con Israele sono essenziali per l'Ue, ma non crediamo che sia giunto il momento di andare oltre l'attuale livello delle relazioni bilaterali".

Plg

© riproduzione riservata