Domenica 29 Marzo 2009

Pdl; Berlusconi: Serve dare più poteri a premier,oggi sono finti

Roma, 29 mar. (Apcom) - "Alla riforma del federalismo bisogna affiancare un contrappeso: quello dei poteri del Governo". Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, introduce così il tema dell'ammodernamento del paese attraverso l'assegnazione di maggiori poteri per il capo dell'esecutivo. Parlando al congresso del Pdl Berlusconi ha sottolineato come "pur bene, il governo e la maggioranza hanno governato in condizioni difficili. In questi momenti - ha detto - l'esperienza recente ci ha insegnato che l'azione del premier è fondamentale e per poterla svolgere deve avere maggiori poteri". Lamentando che "la nostra Costituzione assegna al premier poteri quasi inesistenti. Poteri finti. Su questo - ha aggiunto - sono state scritte molte favole. La realtà è che il capo del governo non può nemmeno nominare o revocare i ministri come invece accade in Europa. Non ha quei poteri che i suoi colleghi delle grandi democrazie hanno e può solo redigere l'oridne del giorno del Consiglio dei Ministri e può solo esercitare una moral suasion basata sulla sua autorevolezza". Ma, ha sottolineato, "uno Stato lento non funzione e un Governo non può farsi imbrigliare in questi ritardi. E' dunque giunto il momento di modificare la seconda parte della Costituzione per far svoglere al meglio il lavoro al governo e al Parlamento, ognuno nelle sue proprie funzioni".

Pda

© riproduzione riservata