Venerdì 24 Aprile 2009

Pirati; Telefonata ostaggi Buccaneer, ultimatum di 72 ore

Roma, 24 apr. (Apcom) - Due dei dieci membri italiani dell'equipaggio del Buccaneer, il rimorchiatore catturato l'11 aprile scorso nel Golfo di Aden, hanno telefonato ieri ai familiari, rivelando che i sequestratori hanno concesso un ultimatum di 72 ore a partire da oggi per l'avvio di una trattativa concreta per il rilascio. E' quanto appreso da Apcom da fonti della Micoperi, la società con sede a Ravenna proprietaria della nave. I sequestratori, secondo quanto si è appreso, avrebbero minacciato di uccidere gli ostaggi allo scadere dell'ultimatum. "Abbiamo parlato con le famiglie degli ostaggi. Lo facciamo tutti i giorni. E' normale che chi ha rapito la nave tenti di imprimere un'accelerazione alle trattative", ha aggiunto la fonte della Micoperi. Il Buccaneer è tenuto in rada sotto il controllo delle autorità della regione semi-autonoma somala del Puntland, che accusano l'equipaggio di trasportare rifiuti tossici con l'intenzione di sversarli in acque somale. A margine di un'audizione sulla pirateria al Copasir e durante un Question Time alla Camera, il ministro degli Esteri Franco Frattini ha sottolineato nei giorni scorsi che "ci sono fotografie che mostrano che la nave è vuota".

Coa

© riproduzione riservata