Martedì 28 Aprile 2009

Sisma Abruzzo; Papa: Serve serio esame di coscienza

L'Aquila, 28 apr. (Apcom) - Monito del Papa all'Aquila, davanti ai volontari e agli sfollati del terremoto del 6 aprile. La "comunità civile" deve "fare un serio esame di coscienza affinché il livello delle responsabilità, in ogni momento, mai venga meno. A questa condizione, L'Aquila, anche se ferita, potrà tornare a volare". "Il tragico evento del terremoto - dice Ratzinger, oggi in visita in Abruzzo - invita la comunità civile e la chiesa a una profonda riflessione. Come cristiani dobbiamo chiederci: 'Che cosa vuole dirci il Signore attraverso questo triste evento?'. Abbiamo vissuto la Pasqua confrontandoci con questo trauma, interrogando la Parola di Dio e ricevendone nuova luce. Abbiamo celebrato la morte e la risurrezione di Cristo portando nella mente e nel cuore il vostro dolore, pregando perché non venisse meno nelle persone colpite la fiducia in Dio e la speranza. Ma anche come comunità civile - conclude - occorre fare un serio esame di coscienza, affinché il livello delle responsabilità, in ogni momento, mai venga meno. A questa condizione, L'Aquila, anche se ferita, potrà tornare a volare".

Ssa

© riproduzione riservata