Domenica 29 Marzo 2009

Sudafrica 2010; Lippi punta l'Irlanda: Trap può farci uno scherzo

Roma, 29 mar. (Apcom) - Archiviato il successo sul Montenegro, Marcello Lippi prepara un'Italia con qualche cambio in vista della partita di mercoledì a Bari contro l'Irlanda. Al San Nicola, il ct azzurro si troverà ad affrontare Giovanni Trapattoni, nel match che potrebbe decidere i destini del girone di qualificazione ai Mondiali di Sudafrica 2010. "A 70 anni ha ancora l'entusiasmo di un bambino e lo chiamano in giro per il mondo a insegnare calcio. Per questo dico che il primo aprile ci può ancora fare uno scherzo", ha detto oggi Lippi in conferenza stampa. "Del Trap - ha aggiunto poi parlando a margine coi cronisti - ho grande stima ma nessun timore reverenziale. Sarò felice di rivederlo e di parlare di calcio con uno che di calcio ne capisce moltissimo". In caso di vittoria contro l'Irlanda, la qualificazione diretta ai Mondiali sarebbe ormai ipotecata. "Andare a +5 sarebbe davvero importante, ma non definitivo", ha aggiunto il ct, secondo cui il successo di ieri ha dato "una bella iniezione di fiducia dal punto di vista psicologico" agli azzurri. "Non ci sono partite facili, - ha sottolineato - specie in casa di avversari così, con un grande entusiasmo e voglia di fare la partita della vita. Il fatto di aver vinto rischiando poco, giustificando ampiamente il risultato, è motivo di soddisfazione. Ora si presenta un'opportunità importante. Se saremo in grado di battere l'Irlanda, l'unica antagonista che abbiamo per il primo posto, ci metteremo in una posizione di assoluto privilegio. Ma non sarà definitiva, visto che mancano ancora quattro partite". E a Bari il tecnico viareggino potrebbe presentare diversi cambi rispetto alla formazione scesa in campo ieri a Podgorica. "L'Irlanda è una squadra con caratteristiche diverse rispetto al Montenegro - ha spiegato - Le partite non nascono e finiscono sempre nello stesso modo. Abbiamo tante soluzioni a disposizione e cercheremo di sfruttarle tutte".

Ant-Caw

© riproduzione riservata