Martedì 28 Aprile 2009

Svizzera;Ambasciatore Israele torna a Berna dopo caso Ahmadinejad

Roma, 28 apr. (Apcom) - Richiamato a Tel Aviv per consultazioni dopo l'incontro tra il presidente della Confederazione elvetica Hans-Rudolf Merz e il suo omologo iraniano Mahmud Ahmadinejad, l'ambasciatore d'Israele a Berna è rientrato ieri nella capitale svizzera. Ilan Elgar ha indicato di non avere alcun messaggio da trasmettere: il suo temporaneo ritiro è un segnale sufficiente, ha precisato: "Ho avuto incontri al ministero israeliano degli esteri, che ribadisce la seguente affermazione rivolta al popolo e alle autorità elvetiche: se l'Iran può rappresentare una questione di diplomazia o di commercio per la Svizzera, esso pone un problema di sopravvivenza per noi», ha dichiarato Elgar, come riportato su Swissinfo online. "Ragione per cui reagiamo in tal modo a questo genere di incontri ad alto livello", ha aggiunto. Irritato dalla presenza di Ahmadinejad alla Conferenza internazionale contro il razzismo la settimana scorsa a Ginevra e dall'incontro del presidente iraniano con Merz, lo Stato ebraico aveva deciso di richiamare "immediatamente" il suo ambasciatore da Berna per consultazioni. Dicendosi "sorpresa" dalla reazione di Tel Aviv, il ministro degli esteri svizzero, signora Micheline Calmy-Rey, aveva giustificato l'incontro tra Merz e Ahmadinejad con il fatto che la Confederazione rappresenta gli interessi americani in Iran e costituisce un canale di comunicazione tra i due Paesi. Calmy-Rey aveva tuttavia precisato di non condividere le idee espresse da Ahmadinejad sull'Olocausto. La Svizzera, al contrario dei Paesi dell'Unione europea (Ue), non ha abbandonato la sala dell'Onu durante l'intervento del presidente iraniano "perché non è sostenitrice della sedia vuota", aveva spiegato. Fcs

MAZ

© riproduzione riservata