Mercoledì 01 Aprile 2009

Vinitaly; Domani l'apertura con Zaia, attesi 150mila operatori

Roma, 1 apr. (Apcom) - Si apre domani a Verona la 43ma edizione del Vinitaly. Alla kermesse internazionale dei vini e distillati sono attesi 150mila operatori, circa un terzo provenienti da un centinaio di Paesi. Ad inaugurare la manifestazione, ospitata in 91mila metri quadrati di superficie espositiva netta, con più di 4.200 espositori, sarà il ministro per le Politiche agricole, Luca Zaia. In contemporanea si svolgono anche Sol, Agrifood Club ed Enolitech, ovvero una sinergia tra le principali manifestazioni di settore che si sta dimostrando vincente per la promozione del migliore made in Italy enogastronomico e delle più innovative tecnologie di produzione. Stasera è previsto il Gala di Vinitaly con il concerto del pianista Ludovico Einaudi al Teatro Filarmonico di Verona. "L'edizione 2009 conferma l'interesse dei buyer per Vinitaly, con un aumento del 50% delle pre-registrazioni dall'estero, ma anche del 20% degli operatori specializzati italiani - afferma il presidente di Veronafiere, Luigi Castelletti -. Per ottenere questo risultato, l'organizzazione di Vinitaly ha realizzato forti azioni di marketing mirato e potenziato i tradizionali canali per favorire gli incontri b2b, quali il matching online e il Buyer's club, che permettono agli operatori esteri di preparare in anticipo la scaletta degli appuntamenti". Già prevista la presenza di forti delegazioni provenienti da molti Paesi europei a noi più vicini (Svizzera, Regno Unito, Francia, Austria, Germania, Belgio, Spagna, Portogallo, Danimarca, Svezia, Ungheria, Polonia, Bulgaria), ma anche da India, Australia, Sud Africa, Israele, Turchia, Usa, Canada, Russia, Lituania, Estonia, Repubblica Ceca, Cina, Giappone, Singapore, Malesia, oltre che dall'America Latina. All'inaugurazione, domani alle 10, oltre al ministro Zaia saranno presenti anche il presidente della Regione Veneto, Giancarlo Galan, il sindaco di Verona Flavio Tosi, il presidente della Provincia di Verona, Elio Mosele, oltre al presidente di Veronafiere Castelletti. Durante i cinque giorni della manifestazione sono attesi il sottosegretario alle Politiche agricole, Antonio Buonfiglio, la sottosegretaria al Lavoro, salute e politiche sociali, Francesca Martini, il sottosegretario allo Sviluppo economico, Adolfo Urso, i sottosegretari al ministero dell'interno, Michelino Davico, il sottosegretario al ministero dell'Economia, Alberto Giorgetti, il presidente della Commissione agricoltura della Camera, Paolo Russo, e della Commissione agricoltura del Senato, Paolo Scarpa Bonazza Buora, e il presidente della Commissione industria commercio turismo del Senato, Cesare Cursi. La prima giornata di Vinitaly si apre con la presentazione dello scenario di mercato a cura del Centro studi Vinitaly-Veronafiere sul tema "La crescita continua" (ore 15.15 sala stampa, Pala Expo). Inoltr, con gli Usa, si apre domani anche il ciclo di focus di Vinitaly sui più interessanti mercati esteri. A seguire Russia, Cina, Giappone, India e Singapore e Paesi Scandinavi.

Red/Gtz

© riproduzione riservata