Brignano, quarta spaccata in due anni  «Lascerò serranda alzata e luce accesa»
Il bar »tartassato» dai ladri

Brignano, quarta spaccata in due anni
«Lascerò serranda alzata e luce accesa»

La provocazione della titolare di un bar che dice: «Così avrò meno danni».

Tanto vale che ormai lasci la serranda alzata e la luce accesa così, dovessero ancora una volta tornare, almeno in questo modo il mio locale subirà meno danni e dovrò spendere un po’ meno soldi per farlo sistemare un’altra volta». Queste le parole esasperate della titolare del bar Sweet Life Caffè che, nella notte fra domenica e lunedì, a Brignano Gera d’Adda, in via Circonvallazione 29, ha subito la quarta spaccata da parte di una banda di ladri in circa due anni: i malviventi, dopo aver sfondato la finestra del locale che si trova a fianco della porta d’ingresso, hanno rubato due slot machine e un cambiamonete. L’incasso che contenevano i tre apparecchi non è noto. Di sicuro pesanti, invece, i danni subiti dal bar tanto che la titolare, di nazionalità albanese ma da diversi anni in Italia si dice, ovviamente in maniera provocatoria, ormai pronta a non abbassare più la serranda del locale dopo la chiusura, di notte.

E rincara la dose: «lascerò accesa la luce in modo che i ladri possano entrare e rubare senza causare alcun altri danno alle strutture del bar». Quella accaduta nella notte fra domenica e lunedì è stata la quarta spaccata subita dal bar Sweet life Caffè in due anni, ovvero da quando il locale è aperto al pubblico. «Il copione è sempre lo stesso – racconta ancora la titolare –: arrivano con un veicolo, sfondano porta o finestra e si impossessano delle slot machine che, certo, potrei togliere per non subire più furti. Ma ho il diritto di tenerle».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 20 settembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA