Cologno, razzie nelle piscine chiuse Un bottino da 146 mila euro

Cologno, razzie nelle piscine chiuse
Un bottino da 146 mila euro

Sono chiuse dal 2013 e il loro destino è ancora incerto. Eppure, alle piscine comunali di Cologno, qualcuno è riuscito a farsi ancora qualche nuotata: i ladri.

Non trova pace il centro natatorio da 9 milioni di euro, mai ultimato e con lavori mal eseguiti, su cui c’è un processo penale in corso per l’ipotesi di truffa a enti pubblici nei confronti di soci e direttore dei lavori della fallita società OnSport. Durante la prolungata chiusura l’impianto è stato infatti più volte depredato dai malviventi, che si sono impossessati, tra l’altro, dei cavi elettrici e del parquet della palestra, per un importo (tra furti e danneggiamenti) di 146 mila euro. A cui vanno aggiunti 24 mila euro causati dai tentativi di furto non andati a segno.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 3 luglio 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA