Arancioni, celesti e ora pacchi di Natale Blocchi antiterrorismo cambiano ancora

Arancioni, celesti e ora pacchi di Natale
Blocchi antiterrorismo cambiano ancora

Da venerdì i discussi blocchi di cemento cambiano ancora , saranno impacchettati.

Preparatevi perché oggi spunteranno una quarantina di pacchi regalo taglia gigante. Mani abili e operose con carta rossa e coccarde verdi trasformeranno (di nuovo) i plinti collocati nei punti sensibili della città, misura preventiva ad eventuali attacchi terroristici.

Dopo l’arancione brillante e la recente colata di pittura color azzurrino, si passa all’operazione «impacchettamento». Svanirà quindi l’effetto ghiaccio apparso mercoledì sui blocchi e i new jersey di piazza Vittorio Veneto. Al lavoro due persone che incarteranno uno a uno i plinti di cemento (due ore di tempo ciascuno). Per i new jersey ci si limiterà invece alla coccarda colorata, difficilmente avvolgibili in un foglio di carta, anche se affidati alle mani di professioniste. L’idea dei pacchi è stata maturata nei giorni scorsi dal Comune di Bergamo insieme ai negozianti e al Distretto urbano del commercio: «Quando abbiamo visto i plinti in cemento abbiamo capito che non andavano bene – spiega Christophe Sanchez, capo di gabinetto a Palazzo Frizzoni e ad di Turismo Bergamo -. Abbiamo fatto preventivi, pensato di pitturarli, alla fine ci è venuta l’idea di fare dei pacchi regalo, abbiamo chiesto alla vetrinista di fare una prova ed è venuta bene. Ne saranno impacchettati 40. Tante anche le soluzioni alternative che verranno utilizzate negli altri comuni della provincia.

Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale dell’Eco di Bergamo del 8 dicembre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA