Spesa a Bergamo, cambiando  «store» si può risparmiare fino a 2mila euro l’anno

Spesa a Bergamo, cambiando «store»
si può risparmiare fino a 2mila euro l’anno

La nostra città è 24esima nella classifica tra le città d’Italia in cui si può risparmiare di più. Ma cambiando supermercato nella nostra provincia in 365 giorni si possono risparmiare fino a 2.231 euro. Lo dice la ricerca di Altroconsumo.

Bergamo è 24esima nella classifica delle 67 città prese in esame da Altrconsumo nella sua consueta indagine su quanto costi in Italia fare la spesa. La zona più conveniente d’Italia è il Nord Est, con Vicenza prima e poi Pordenone, Treviso e Padova nelle prime cinque posizioni. A Padova in un anno su prodotti di marca una famiglia spende mediamente 5378 mentre a messina che è la più cara Si spendono 6.510 euro, quasi mille euro in più l’anno. Bergamo, come detto è 24esima con 5826 euro messa meglio di Milano (5913) ma peggio di Brescia (5698). Ma i dati più interessanti sono quelli all’interno delle nostra provincia. Le rilevazioni dimostrano come sia possibile risparmiare cifre anche ingenti solo cambiando supermercato. A Bergamo infatti, per una spesa media di un paniere di prodotti di marca di una famiglia con figli tra il supermercato più caro e quello più conveniente (Esselunga di via San Bernardino) si possono risparmiare fino a quasi mille euro (976). Risparmio che cresce cambiando store sulla categoria prodotti economici (qui si può spendere 1435 euro di meno se si va all’Auchan di Curno) . È di addirittura 2231 euro il risparmio annuale dal supermercato più caro a quello più economico (sempre l’Auchan di Curno) sui prodotti definiti «commerciali», una categoria a metà tra quelli di marca e quelli prettamente economici.Tutti i dati con i nomi e la classifica dei supermercati vai sul sito di Altroconsumo.

SUPERMERCATO CONSUMATORI COMMERCIO CARRELLO CARRELLI DELLA SPESA SUPERMERCATO CLIENTE

SUPERMERCATO CONSUMATORI COMMERCIO CARRELLO CARRELLI DELLA SPESA SUPERMERCATO CLIENTE
(Foto by MARCO CARLI)

I consumi delle famiglie in Italia nel 2016 sono aumentati dell’1% rispetto al 2015, ma nell’ultimo anno sono diminuiti quelli al supermercato, anche se di poco (-0,55%), considerando un’inflazione del 1,2% in generale e 0,8% sui soli prodotti alimentari. In uno scenario di quasi stagnazione, la spesa media degli italiani per alimentari, igiene personale e per la casa in un anno, per una famiglia media, secondo i dati Istat si attesta sui 6.300 euro, con il 20% dell’intero budget familiare ritagliato su questa voce.Grazie alla tensione concorrenziale tra insegne e punti vendita sul territorio sono possibili risparmi che su un singolo prodotto possono toccare punte del 160% e sul paniere di spesa con prodotti di marca al supermercato arrivare a ben 2.817 euro per una famiglia di quattro persone che ne spende 8.300 all’anno.

L’annuale inchiesta di Altroconsumo su super, iper e hard discount in 67 città italiane mostra la mappa della convenienza e del risparmio, stabilendo dove sia più conveniente realizzare gli acquisti di alimentari, freschi e confezionati e di prodotti per l’igiene personale e per la casa*. Visitati 1.017 tra super, iper e hd, rilevando più di un milione di prezzi alla scoperta del punto vendita più conveniente nelle 20 regioni d’Italia. Per comporre le classifiche, sia sulle insegne più convenienti a seconda del tipo di spesa – consultabili su www.altroconsumo.it/supermercati, sia quella sulle città qui a seguire, sono stati raccolti 1.186.000 prezzi. I prodotti appartengono a 115 categorie merceologiche diverse.

MADRID - COPPIA DI ANZIANI COL CARRELLO DELLA SPESA AL SUPERMERCATO -

MADRID - COPPIA DI ANZIANI COL CARRELLO DELLA SPESA AL SUPERMERCATO -
(Foto by DANIEL OCHOA DE OLZA)

L’area del nord-est, con il Veneto in testa, si conferma la più interessante per poter approfittare della guerra dei prezzi tra insegne e punti vendita. Insieme a Pordenone, si compra bene a Treviso e Vicenza dove si spende in media 5.900 euro, al di sotto della media nazionale. Se pensare di recarsi a Fiume Veneto dal resto della penisola per fare la spesa è poco realistico, ipotizzare invece di cambiare punto vendita all’interno della stessa città si può e si deve fare. A Cuneo se si va nel super più conveniente anziché in quello più caro si possono risparmiare 1.284 euro in un anno; a Torino 1.246 euro; a Roma 1.200; mille euro a Milano.Più punti vendita, forbice dei prezzi che si amplia. Situazione opposta a Reggio Calabria, dove non solo il risparmio massimo è di poco superiore a 200 euro, ma dove nel punto vendita più economico si spendono quasi 6.400 euro in un anno di più rispetto alla media nazionale. Non solo al Sud: ad Aosta, la spesa minima in città è di 6.500 euro e le possibilità di risparmio sono ridotte a 365 euro. Qui qualunque supermercato si scelga, la spesa resta carissima. Scarsa concorrenza significa sempre poca scelta e prezzi allineati.

CONSUMI - CARO VITA - SPESA IN UN SUPERMERCATO - CARRELLO - INFLAZIONE 20081026 - ROMA - FIN - CONSUMI: CRISI INCHIODA CARRELLO SPESA,SEMPRE MENO CIBO.  ANSA/ARCHIVIO/FRANCO SILVI/DRN

CONSUMI - CARO VITA - SPESA IN UN SUPERMERCATO - CARRELLO - INFLAZIONE 20081026 - ROMA - FIN - CONSUMI: CRISI INCHIODA CARRELLO SPESA,SEMPRE MENO CIBO. ANSA/ARCHIVIO/FRANCO SILVI/DRN
(Foto by FRANCO SILVI)

Su Altroconsumo.it/supermercati è possibile consultare l’inchiesta in integrale, le tabelle della propria città e calcolare il punto vendita più conveniente secondo le proprie abitudini di spesa. I dati nella classifica della convenienza qui riportata sono ordinati in base alla spesa minima in città. Il paniere scelto è basato sui prodotti leader di mercato e quindi il più comune tra le famiglie italiane, per poter così confrontare i livelli di spesa tra le città campione dell’inchiesta. L’indagine ha rilevato quanto costi in un anno fare la spesa presso il punto vendita risultato più conveniente in città. Il riferimento è la spesa media di una famiglia italiana secondo l’indagine sui consumi delle famiglie dell’Istat.


© RIPRODUZIONE RISERVATA