La prof «scippata» della sua precisione «Adesso devo correggere me stessa»
Giovanna Govoni (al centro con un foulard rosso) durante una rappresentazione teatrale

La prof «scippata» della sua precisione
«Adesso devo correggere me stessa»

L’ex preside del Sarpi, Giovanna Govoni, racconta il Parkinson e le tante attività che le consentono di vivere con serenità.

Ha scoperto i primi sintomi della malattia in cucina, mentre stendeva la sfoglia per la pasta, come amava fare da buona emiliana. I movimenti delle mani sembravano rallentati: mancavano pochi mesi alla pensione. Per una vita Giovanna Govoni ha insegnato matematica ed è stata la prima preside donna del liceo classico Paolo Sarpi di Bergamo. Il Parkinson – questa la diagnosi senza appello dei medici – le ha portato via la sua precisione, quella per cui tanti studenti la ricordano, ma non la creatività e tante attività che le consentono di vivere con serenità insieme ai sui famigliari.

Leggi la storia de «La Buona Domenica» acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 22 aprile 2018.

© RIPRODUZIONE RISERVATA