Nembro, addio a monsignor Gianluca Rota:     una vita di impegno pastorale
Monsignor Gianluca Rota (Foto by Archivio)

Nembro, addio a monsignor Gianluca Rota: una vita di impegno pastorale

Aveva 89 anni, si è spento martedì 25 maggio. Prevosto emerito di Sant’Alessandro in Colonna a Bergamo, abitava a Nembro. Una vita di impegno pastorale, fu per tanti anni parroco anche a Ranica e Colognola.

Si è spento all’età di 89 anni nella sua casa di Nembro monsignor Gianluca Rota, prevosto emerito di Sant’Alessandro in Colonna, conosciuto e stimato anche a Ranica e nel quartiere cittadino di Colognola, due comunità dove fu a lungo parroco, rispettivamente dal 1973 al 1984 e dal 1984 al 1994. Nato a Nembro il 27 marzo 1932, dopo l’ordinazione sacerdotale (4 giugno 1955) era stato coadiutore parrocchiale di Vercurago (1955-56) e di Brembate Sotto (1956-69), impegnato nella pastorale giovanile. Quindi divenne direttore del Centro vocazioni (1969-73), direttore spirituale di Teologia in Seminario (1969-73), membro del Consiglio pastorale diocesano (1967-69, 1976-77), del Consiglio presbiterale (1969-72, 1978-81, 1992-97) e del Collegio Consultori (1992-97).

Nel 1973 l’approdo a Ranica come parroco. Oltre all’intensa attività pastorale in un paese in forte espansione, fece ristrutturare la casa alpina di Pezzolo e dotare di nuovi portali la parrocchiale. Fu anche delegato della Zona pastorale III (1976-79). A Ranica conobbe una famiglia che aveva avviato una scuola professionale e un piccolo ospedale in Ecuador. Visitò quei luoghi, rimanendone incantato, tanto che, per un certo periodo ogni anno, vi si recava come missionario nelle parrocchie. Cappellano delle carceri giudiziarie (1985-86), nel 1984 giunse in città come parroco di Colognola. Oltre a dare impulso all’impegno dei laici e ai gruppi di spiritualità famigliare, aprì il centro di primo ascolto e fece ristrutturare oratorio, casa alpina di Rota Imagna, parrocchiale e chiesette. Fu anche vicario locale del vicario urbano Sudovest (1989-94). Nel 1994 l’approdo in Sant’Alessandro in Colonna come prevosto. Fu anche vicario locale del vicariato urbano Nordovest (1995-2000). Nel 2007 il ritiro per limiti di età e la nomina di canonico della Cattedrale, andando a risiedere a Nembro, collaborando con la parrocchia.

La camera ardente è allestita nella chiesa di Santa Maria in Borgo (orari: 8,30-12 e 15-21). I funerali, presieduti dal vescovo Francesco Beschi, si terranno venerdì 28 maggio alle 10 in chiesa plebana.


© RIPRODUZIONE RISERVATA