Vi ricordate il buono Mediaworld? Nuova ondata on line (ma è sempre falso)

Vi ricordate il buono Mediaworld?
Nuova ondata on line (ma è sempre falso)

Nuova ondata di phising del falso omaggio «Mediaworld» e nuova allerta della Polizia Postale: non cliccate sul link che porta ad un sito clone per sottrarre credenziali e carta di credito.

Si tratta di uno spamming massivo di sms che dietro le mentite spoglie della catena della tecnologia e degli elettrodomestici «MediaWorld» - che è in realtà del tutto ignara - nasconde un meccanismo truffaldino che serve solo per sottrarre credenziali, dati personali e della carta di credito dietro la promessa del regalo di uno smartphone Samsung Galaxy S9. E l’allarme, per i numeri di utenti truffati, è stato rilanciato recentemente sulla pagina Facebook «Commissariato di PS On Line – Italia» della Polizia Postale che lo ritiene utile ribadire per allertare la platea di tutti coloro che sono connessi in Rete, perché potenzialmente tutti nel mirino di questi criminali telematici.

«In queste ore abbiamo potuto verificare, attraverso un’opera di monitoraggio, la presenza sul web di una nuova ondata di fenomeni di “phishing” che interessano una nota azienda operante nel campo della vendita, anche on line, di prodotti elettronici - spiegano dal Commissariato di polizia in Fb -. Il fenomeno è stato già oggetto, alcuni giorni fa, di una nostra segnalazione per mettere in guardia dal pericolo gli utilizzatori della Rete e fornire loro dei consigli per evitare di cadere nella trappola, consegnando ai cybercriminali importanti dati personali. Potete trovare gli approfondimenti al seguente link: http://www.commissariatodips.it/notizie/articolo/phishing-sms-mediaworld.html».

Utile seguire alcuni semplici consigli riportati anche sul sito istituzionale della forza di polizia specializzata nella lotta al crimine informatico: non «cliccare» sul link proposto; non fornire alcun dato personale o relativo alla propria carta di credito o conto bancario; effettuare la scansione del dispositivo con un antivirus aggiornato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA