Treviglio Ovest, i comitati alla carica:  «La fermata non penalizza Bergamo»
Torna alla ribalta il tema delle fermate a Treviglio Ovest. In alto, i Comitati del Nodo di Treviglio con Sorte

Treviglio Ovest, i comitati alla carica:

«La fermata non penalizza Bergamo»

I pendolari bergamaschi sono stati ricevuti dall’assessore regionale Sorte: chiedono lo «stop» in stazione per 26 treni su 50.

Pendolari a confronto - quelli della Bassa e «i signori della città» - in ufficio dal neoassessore regionale a Mobilità e Trasporti Alessandro Sorte, che ha messo intorno a un tavolo (quello del suo ufficio) i comitati «rivali». «Dopo sei anni di diniego, ora siamo stati coinvolti, per contribuire a migliorare il processo, segnalando criticità sistematiche o carenze funzionali», commentano quasi increduli i rappresentanti della Bassa.

In vista dell’attivazione del nuovo orario ferroviario di aprile, l’assessore ha preso seriamente in considerazione le loro richieste che si aprono sempre con il solito tasto: la riattivazione della fermata di Treviglio Ovest, osteggiata da anni (almeno dal 2009) dai «vicini» del capoluogo. «Sulla linea Milano-Bergamo – entrano nel dettaglio – circolano 52 treni. Oltre ai due che già si fermano, chiediamo la fermata per altri 26 treni, 13 per Milano e 13 da Milano». Per dimostrare le buone intenzioni e la «venuta in pace», i Comitati del Nodo di Treviglio, nelle loro proposte, hanno anche tenuto conto delle esigenze dei pendolari di Bergamo, «per superare ogni campanilismo inopportuno».

Precisano infatti: «Escludiamo dalla fermata i treni in partenza alle 7,02 e 8,02 da Bergamo; e quelli in partenza da Milano Centrale alle 17,10 e alle 18,10, perché sappiamo che sono già saturi e non vogliamo creare conflitti e disagi agli altri pendolari». Per i treni «selezionati», invece, il problema del sovraffollamento non esisterebbe, «perché tutti i treni oggetto di proposta di fermata a Treviglio Ovest transitano da questa con una disponibilità residua di posti a sedere per nuovi utenti, superiore al 20% nella fascia pendolare e del 50% nella fascia di morbida. Ovvero ci sono da una a tre vetture disponibili, su una composizione standard di sei vetture». Oltre ai servizi regionali veloci, si chiede anche un’offerta sistematica da Treviglio a Brescia tra le 5 e le 24, con una frequenza minima di 60 minuti, con treni che effettuano tutte le fermate da Treviglio a Rovato.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 20 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA