Martedì 22 Luglio 2014

Perdi un marito, trovi un diamante

L’ultima frontiera dello spot

La pubblicità di un’impresa di pompe funebri

Basta fare una passeggiata tra le strade di Roma per imbattersi in questi insoliti cartelloni: la mano di una donna in primo piano con un grande diamante al dito, il sorriso a trentadue denti sullo sfondo. E la scritta: «Stavolta tuo marito non potrà dirti di no».

È la nuova campagna pubblicitaria lanciata da un’impresa di pompe funebri che opera a Roma e in altre città italiane. Grazie all’accordo con una società svizzera, alla quale vengono spedite le urne contenenti le ceneri dei defunti, i resti dei cari estinti si trasformano in diamanti.

Da portare al dito o al collo, a seconda del gusto della gentile signora. Ah, nel caso qualcuno se lo chiedesse, più ceneri ci sono, più sono anche i carati.

La pubblicità, in questo caso, fa leva sulle eterne tentazioni del gentil sesso: una campagna di qualche anno fa diceva, più serenamente «un diamante è per sempre», cosiderandolo la più preziosa dimostrazione d’amore. Ma in questo caso, cosa diventa? Soltanto una pubblicità di dubbio gusto? Ma forse una morte «brillante» fa meno paura, in una società che di morte non parla volentieri, e che ha seri problemi a considerare la sofferenza.

Per saperne di più leggi qui

© riproduzione riservata