Lunedì 12 Novembre 2007

La natura di Bottura alla Galleria Brambati

La natura nella bellezza dei suoi elementi, che generalmente si manifesta nello splendore di un paesaggio, è sempre stata motivo di ispirazione per i pittori di ogni tempo. Agli inizi, fin dalle pitture dei primi secoli della storia dell’arte, la natura aveva il principale scopo di essere decorativa, poi divenne complementare nel contesto di scene di genere o consimili e, infine, assunse addirittura la posizione di «personaggio» unico di una specifica immagine figurativa.
Si diede così origine ad opere denominate «nature in posa» – natura morta – composizioni floreali. Il paesaggio venne studiato con attenzione e riportato sulla tela con straordinarie creatività pittoriche.
È quanto realizza con i suoi dipinti il pittore Claudio Bottura con la sua personale esposta presso la Galleria «Brambati Arte». Ecco, pertanto, i vari soggetti interpretati da questo artista rapportati soprattutto alla realtà attuale che stiamo vivendo. La natura, oggi, è soggetta purtroppo ad indiscriminate violenze, soffocata da miasmi d’ogni genere, da soprusi inqualificabili. Claudio Bottura con le sue opere si oppone a questo atteggiamento distruttivo, porta a noi il messaggio del «rispetto» per il creato che ci circonda, per conservarne l’incanto e le infinite meraviglie di luce e di colore di cui tale creato è rivestito. Ecco, quindi, i suoi dipinti che esplodono nel loro cromatismo, dove la luminosità investe ogni oggetto e ogni «habitat», quasi si trattasse di un sogno, come pure vuol indicare la sua biografia che appunto si intitola «Dal reale al sogno». È un invito, questo di Claudio Bottura, che ci sprona a sognare sì ma per attuare poi una realtà che ci convinca sempre più ad apprezzare la realtà delle bellezze del creato che ammiriamo quasi fossero soltanto un sogno.
Superfluo soffermarci a sottolineare la preziosità dei valori artistici-estetici di questo artista, quali la libertà del segno acquisita con la sua esperienza, le giuste campiture nel contesto di una struttura compositiva ben concepita, il cromatismo che si compone di armonici equilibri tonali.

Durata della mostra: fino al 19 dicembre.
Orari
: tutti i giorni, eccetto il lunedì, dalle 15 alle 19.
Galleria «Brambati Arte», via Natale Perego, 13 - Vaprio d’AddaLino Lazzari

a.campoleoni

© riproduzione riservata