Martedì 14 Settembre 2010

Le foto storiche di Dante Frosio
in mostra a Costa Imagna

Prosegue con grandissimo successo la mostra fotografica di Dante Frosio “poeta dell'immagine” inaugurata a Costa Imagna nell'hotel Primula. In concomitanza con la ricorrenza della Festa della Cornabusa sono stati migliaia i visitatori provenienti da diverse regioni oltre che dalla Svizzera,Francia,Germania ,Spagna e Canada che hanno apprezzato l'esposizione organizzata dalla pro loco.

La mostra itinerante curata da Damiano Frosio che dà continuità all'arte del papà, coordinata da Donata Brumana, accoglie il visitatore con il cappello e l'inseparabile mitica macchina fotografica del Dante. L'esposizione composta da 74 immagini allestite con raffinatezza ci invita e ci guida a ripercorrere con stupore e nostalgia quel che non c'è più ma che è rimasto nel cuore. Immagini di vita quotidiana umile e laboriosa dei suoi conterranei, nei più semplici aspetti e negli importanti avvenimenti della valle.

L'esposizione continuerà fino al 29 settembre con apertura il sabato e la domenica dalle 10 alle 12, dalle 16 alle 18.30 e dalle 20.30 alle 22.30. Per informazioni Pro loco  339-3938591.

Quest'anno è il quinto centenario del Santuario della Madonna della Cornabusa che è il cuore della Valle Imagna. L'abate geologo A. Stoppani definì “la più bella “ tra le valli bergamasche. Il Santuario tutto particolare , ricavato da una grande caverna carsica di 96 m di lunghezza ,20 m di larghezza media e 8/9 m di altezza , racchiude un'immagine miracolosa della Madonna col Cristo morto , se non l'unico è certamente il più grande santuario “naturale” in Italia. L'autore del “Bel Paese” affermò : “la chiesa è la caverna, o se meglio vi garba la caverna è la chiesa”. Il Patriarca di Venezia Angelo Giuseppe Roncalli,prima di essere eletto nel 1958 Papa Giovanni XXIII, frequentemente saliva al santuario in meditazione . Sabato scorso vigilia della solennità, oltre alle tradizionali illuminazioni delle case, fiaccole e falò hanno illuminato le montagne della valle. Per l'occasione si è svolta la vestizione della Madonna della veste ricamata dalla Santa Geltrude Comensoli. Nel tardo pomeriggio dalla piazza di Cepino di Sant'Omobono Terme fino al santuario si è snodata la fiaccolata organizzata dagli alpini. Alla sera Santa Messa nella grotta naturale e saluto ai parroci della valle chiamati a servire altre parrocchie a seguire spettacolo pirotecnico.

Domenica mattina alla Santa Messa solenne , presieduta da Don Gianluca Salvi Parroco di Bedulita parrocchia della Pastorella ,oltre alle migliaia di pellegrini che in questi giorni hanno visitato il Santuario, erano presenti anche numerosi emigranti valdimagnini rientrati nella terra d'origine per l'occasione. Presenti numerose autorità tra le quali Giosuè Frosiio, consigliere regione Lombardia e presidente sesta commissione, Roberto Facchinetti presidente della Comunità Montana Valle Imagna e Sindaco di Bedulita , Ivo Sauro Manzoni sindaco di Sant'Omobono Terme . L'evento si concluderà mercoledì 15 al termine della Santa Messa delle 20,30 dove verrà tolta la veste ricamata all'Addolorata della Cornabusa ,che rimessa nella teca del museo. E il simulacro tornerà a indossare la veste scolpita di tutti i giorni.

La sezione cultura dell'associazione Lago Borromeo di Milano, con il patrocinio del Ministero della cultura, regione Lombardia , provincia di Bergamo, Comunità Montana e Centro Studi Valle Imagna, comuni di Sant'Omobono Terme e Costa Imagna, ente Bergamaschi nel mondo, con il contributo della Banca Popolare di Bergamo - UBI ha istituito premi giornalistici Valle Imagna per i migliori articoli , servizi televisivi ed online delle principali manifestazioni avvenute in valle nell'estate 2010. I riconoscimenti saranno consegnati al circolo della stampa di Milano dal giornalista Giovanni Negri presidente dell'ALG e della commissione composta da giornalisti,fotografi ed esperti in comunicazione .

e.roncalli

© riproduzione riservata