Martedì 14 Settembre 2010

Solidarietà e risate al  Creberg Teatro
A ottobre la comicità di Giacobazzi

Solidarietà e divertimento saranno gli ingredienti della serata benefica organizzata dalla Fondazione Credito Bergamasco in favore di Casa accoglienza Eleonora Onlus, in programma per il prossimo 21 ottobre al Creberg Teatro Bergamo.

Alle 21.00 sul palcoscenico del Creberg Teatro Bergamo si alzerà il sipario sull'edizione numero otto dell'ormai tradizionale rassegna artistica «Dai credito alla solidarietà», istituita dalla Fondazione Credito Bergamasco per rendere accessibili ad un pubblico sempre più vasto, e a costi particolarmente contenuti, eventi singolari e di fascino, favorendo al contempo l'impegno sociale.

La manifestazione, che nel corso degli anni ha portato sui palcoscenici dei teatri cittadini nomi di grande spicco del panorama artistico nazionale - I Solisti veneti accompagnati dai maestri Salvatore Accardo e Uto Ughi, Paolo Conte, Roberto Vecchioni, Giovanni Allevi e Stefano Bollani, per citarne alcuni - lascerà spazio al cabaret e in particolare alla comicità del romagnolo Giuseppe Giacobazzi, famoso per essere uno dei protagonisti più interessanti di Zelig.

Una scelta meno strana di quel che può sembrare: «Una rassegna popolare come vuole essere la nostra - spiega Angelo Piazzoli, segretario generale della Fondazione Credito Bergamasco - deve essere in grado di raccogliere, per sua natura, umori e tendenze di tutta la società. E, mentre diverte, può anche suscitare riflessioni o dibattito, senza scadere nella banalità. Nel corso degli anni - continua Piazzoli - abbiamo notato un'affluenza sempre maggiore ed un interesse sempre più elevato da parte del pubblico bergamasco. Naturalmente anche questo particolare ci ha motivato ad andare avanti e ad aprirci alle novità».

Nella sua performance il cabarettista racconterà vicende di vita quotidiana con la mimica e l'umorismo che lo contraddistinguono: un po' complice, un po' rustico, un po' stralunato con quell'aria da viveur mancato che rimpiange, più che il tempo passato, ciò che non ha mai potuto essere. «Lo spettacolo di Giuseppe Giacobazzi “Una vita da pavura” - specifica Angelo Piazzoli - è una commedia umana del vivere quotidiano con le sue paure e le sue nevrosi. Come sempre la Fondazione sostiene tutti i costi della serata: l'intero ricavato dello spettacolo - unitamente ad un significativo importo già messo a disposizione dalla Banca - avrà pertanto una destinazione benefica. In particolare quest'anno tutto l'incasso andrà a finanziare l'attività dell'Associazione Casa Accoglienza Eleonora Onlus che, dal 2006, gestisce mini appartamenti posti a disposizione gratuita dei familiari dei bambini meno abbienti, provenienti da città lontane o da Paesi in via di sviluppo, convalescenti o bisognosi di cure sanitarie presso i reparti Pediatrici degli Ospedali Riuniti di Bergamo».

«Con lo spettacolo dell'anno scorso del jazzista Stefano Bollani» sottolinea Angelo Piazzoli «sono stati destinati all'iniziativa benefica progettata (Casa del Sole, Associazione Paolo Belli/Lotta alla Leucemia Onlus) oltre 15 mila euro. L'obiettivo è di superare il successo della passata edizione». I biglietti per assistere allo spettacolo di Giuseppe Giacobazzi saranno in vendita a Bergamo presso: Box Office, viale Giulio Cesare 14, tel. 035.236787; Dentico, via Cesare Battisti 7/a, tel. 035.217353 e sul sito internet www.vivaticket.it a partire dal giorno 6 settembre fino ad esaurimento. I prezzi dei biglietti, comprensivi di prevendita, sono: primo settore 20 euro cad.; secondo settore 15 euro cad., terzo settore 10 euro cad. I biglietti sono disponibili in ogni settore.

t.mirabile

© riproduzione riservata