Venerdì 10 Dicembre 2010

Santa Lucia arriva in Provincia
Domenica un pomeriggio di festa

Domenica 12 dicembre al Palazzo della Provincia di Bergamo in via Tasso 8, ci sarà una serata speciale dedicata a piccoli e grandi, per festeggiare insieme la notte più magica dell'anno.

La festa inizierà alle 15, quando cortile e giardini di via Tasso si trasformeranno in un luogo magico, ricco di antico fascino: oltre cento gli artisti tra artigiani, attori, danzatrici e musicisti della terra bergamasca, che daranno vita a spettacoli pieni di luce e di significato della tradizione. Grandi e piccini, circolando liberamente, potranno assistere ad apparizioni, narrazioni, canti legati alla festa di Santa Lucia attraverso i secoli.

«Ancora oggi i nostri bambini vivono questa poesia con tutta la famiglia e si coricano presto la sera della vigilia sognando i doni che loro porterà Santa Lucia», spiega l'assessore alla Cultura Spettacolo Identità e Tradizioni Giovanni Milesi, che invita bambine e bambini a prendere carta, penna e colori per farsi raccontare un ricordo dai nonni, da mamma e da papà di quando erano piccoli e aspettavano a loro volta l'arrivo di Santa Lucia: «In Provincia ci sarà Santa Lucia ad aspettarvi - sottolinea l'assessore Milesi -. Venite quindi a consegnare le vostre lettere e dipinti. Santa Lucia li raccoglierà nel suo cesto e in cambio riceverete un dono».

Dunque, la serata inizierà con ASPETTANDO SANTA LUCIA: IL CIELO DEI BAMBINI attraverso un laboratorio pittorico curato dall'associazione AGE e dagli studenti del Liceo artistico di Bergamo, a cui seguirà, alle 17.30, LA LUCE DELLA TRADIZIONE, spettacoli tradizionali delle valli bergamaschi «che riporteranno il piacere dell'attesa e il mistero della legenda» - commenta Silvia Barbieri, regista del progetto -. «Si potranno ascoltare i racconti dei nonni, del poeta illustre, dello storico cronista, la gara dei falò accesi e il tintinnio delle campanelle, le letterine dei bambini, il Mercante di neve e la suggestione dell'attesa nella notte magica fatta di scarpe da riempire di doni, il gusto della trippa accostato alla ricetta della cuccìa, a testimonianza del desiderio di festa che attraversa tutto il nostro paese, fino a raggiungere la Scandinavia con le caratteristiche fanciulle coronate da sette candeline».

Tutto questo e altro ancora per animare una messinscena itinerante in «stazioni» collocate nello spazio (tra le statue, gli alberi, la fontana e il grande albero di Natale), dove lo studio della luce e la proiezione di immagini trasformerà lo spazio del cortile di via Tasso in un grande affresco magico di religiosità popolare, nel quale il pubblico vivrà un'emozionante avventura della religione, della tradizione e della memoria.

L'evento è organizzato dall'assessorato alla Cultura Spettacolo Identità e Tradizioni della Provincia di Bergamo in collaborazione con Spring Art e Associazione italiana genitori Aglas Bergamo. Progetto e regia di Silvia Barbieri; studio della luce Oreste Castagna – CDPM Sound Service Produzione Spring Art. Partecipano agli spettacoli: Associazione Danzarea Curno, Cooperativa L'Innesto Gaverina Terme, La Bottega del Teatro Pontida, Spring Art Bergamo, Orchestra Musicalmenno Almenno San Salvatore, Junior Band Corpo Musicale Almenno San Salvatore, Junior Band Corpo Musicale Palazzago, Associazione AGE Provinciale, Associazione AGLAS e Liceo Artistico Bergamo, Associazione Sarnon Sarnico, Associazione Bandistica Musicale Vivace di Oliviero Biella Ponteranica, Sezione Aurea Bergamo.

Altre informazioni sono disponibili, sul sito: http://www.provincia.bergamo.it/santalucia

a.ceresoli

© riproduzione riservata