Lunedì 21 Febbraio 2011

Corso di dizione e fonetica
con Tabani in S. Alessandro

Modificare in parte o in tutto il proprio modo di parlare e nella giusta direzione, è possibile, ed è anche una questione spesso di buon gusto, civiltà e rispetto per gli altri. Parlare chiaro e bene non è soltanto una carta di prestigio in più da giocare a proprio favore.

Il biglietto da visita che rivela sicurezza, decisione, umore e sentimenti, insomma la differenza tra successo e insuccesso. Bisogna essere uditi, ascoltati, capiti, condivisi o contestati e, obiettivo ultimo ricordati; pena la noia!

Oggi si può definire la buona dizione un nuovo settore strategico per le persone più diverse che ricercano un'eleganza nel parlare cercando di imparare tutto sulla voce e sulla pronuncia attraverso l'apprendimento delle varie tecniche con le quali è possibile acquisire una buona padronanza della lingua parlata. Infatti spesso quella più o meno ricca varietà di modulazioni di cui facciamo sfoggio istintivamente, ci abbandona quando alla spontaneità passiamo alla parola non nostra, ma che dovremmo far nostra.

E' il momento in cui, se un buon esercizio non ci soccorre, rischiamo di trasformarci da persone vive in manichini meccanici. Dunque ci si deve impadronire di ritmi e toni che serviranno ad eliminare il nemico più terribile: la squallida monotonia e le fastidiose cadenze. Senza però perdere quella naturalezza che fa riconoscere in ciascuno di noi la propria provenienza, togliendo solo i difetti di pronuncia e di articolazione, impadronendoci contemporaneamente, del corretto modo di utilizzare la voce.

Ciò che ci manca è soltanto il modo di affinare e isolare i vari fenomeni fanetici e poterli distingure uno per uno, farne un'analisi appropriata e in tal modo cominciare a modificare efficacemente le nostre emissioni foniche in modo da poter essere più chiari e meno trascurati nella pronuncia. Però bisogna sapere in quale direzione muoverci e secondo quale metodo, non certo a caso.

Un corso di dizione e fonetica tenuto da un professionista della parola, aperto a tutti coloro che intendano conoscere a fondo i segreti della voce e le tecniche necessarie ad un corretto funzionamento dell'apparato fonatorio.

Dodici lezioni settimanali di due ore scolastiche ciascuna che si terranno a partire da lunedi 7 marzo presso la Parrocchia di Sant'Alessandro, via Sant'Alessandro 33 dalle ore 20,30.

Per informazioni e-mail: [email protected] oppure tel. 339 8320946

e.roncalli

© riproduzione riservata