Storie bergamasche in scena
Così a Palosco si festeggiano i nonni

Domenica 2 ottobre nel salone Paolo VI dell'oratorio di Palosco, in occasione della «Festa dei nonni», verrà presentato lo spettacolo «Stòrie bérgamasche» del Laboratorio Teatro Officina di Urgnano.

Storie bergamasche in scena Così a Palosco si festeggiano i nonni

Domenica 2 ottobre alle 21 nel salone Paolo VI dell'oratorio di Palosco, in occasione della «Festa dei nonni» promossa dalla Biblioteca Comunale e dal locale Assessorato alla Cultura, verrà presentato lo spettacolo «Stòrie bérgamasche» del Laboratorio Teatro Officina di Urgnano, con Lia Vessecchia, Annalisa Pagani, Ettore Rodolfi e Davide Lenisa, su testo e per la regia di Gianfranco Bergamini.

La performance è la terza ed ultima parte del celebre Progetto «Refenìstola», che ha nello spettacolo omonimo e in “Squàsc – Storie dé pura” i primi due episodi della trilogia. Il Progetto, nato nel '97, è dedicato alle tradizioni popolari bergamasche. Sulla base di un'approfondita ricerca sull'uso del dialetto in ambito teatrale, il gruppo ha sperimentato i temi della fabulazione e del racconto e, con un balzo all'indietro di cento anni, è andato a individuarne le origini, in riferimento alle figure degli ambulanti e dei vagabondi come narratori. I venditori di foglie di tabacco, i girovaghi che facevano ballare l'orso, i «bergamì» guardiani di bestiame e i «refenìstola» appunto, che si fermavano a passare la notte nel fienile delle cascine, erano tutte occasioni per sentire fiabe e racconti.

Fra i racconti di questa terza parte c'è quello della «dòna del zöch» spaventosa fata-strega allampanata e dalle lunghe vesti, condannata a vagabondare per le nostre valli sul far dell'alba e di «Antonia» ragazza vanitosa e lazzarona che sarà visitata dal diavolo. Il maligno è presente anche nella storia di «Balzebù», mentre «La conchèta» è un complicatissimo scioglilingua. «I nòm» e «Söperstissiù» unitamente a numerose rime, canti e filastrocche completano i materiali narrativi sui quali il Laboratorio Teatro Officina ha elaborato la sua nuova proposta scenica.

L'ingresso allo spettacolo è gratuito. Per informazioni: Lto tel. 035/891878, cell. 340/4994795 Biblioteca Comunale Palosco tel. 035/845267.

© RIPRODUZIONE RISERVATA