Mercoledì 08 Febbraio 2012

«Va pensiero» risuona in Comune
A Seriate, stagione lirica e balletto

Seriate anuncia la Stagione Lirica e di Balletto. Arrivata alla sua quarta edizione, intitolata «Va pensiero sull'ali dorate», in programma dal 2 marzo al 9 novembre, è stata presentata in sala consiliare, sulle note dell'aria verdiana intonate nel 1961 dal coro della Scala di Milano con l'orchestra diretta dal maestro Giandandrea Gavazzeni.

Promossa dall'Assessorato alla Cultura in collaborazione con l'associazione Chitarfisa, presenta in calendario quattro titoli: due opere liriche e altrettanti balletti, sempre alle 21, al Cinteteatro Gavazzeni, in via Marconi, 40, Seriate. La stagione viene inaugurata il 2 marzo con il «Nabucco» di Giuseppe Verdi, a cura dell'Orchestra Sinfonica Lombarda e del Coro lirico di Parma, che riproporranno la stessa produzione realizzata lo scorso novembre al Teatro San Babila di Milano. Orchestra e coro firmeranno anche il terzo appuntamento, con la «Madama Butterfly» di Giacomo Puccini, attesa il 5 ottobre.

Il secondo spettacolo, in programma il 13 aprile, sarà il «Pulcinella», tra i balletti più famosi del russo-occidentale Jgor Stravinski, a cura della Compagnia stabile di Danza Ariston Proballet di Sanremo che, il 9 novembre, chiuderà la rassegna con il «Gran galà del balletto», realizzato su musiche di Petr Il'ic Cajkovskij e Sergei Prokofiev.

Il costo del biglietto per ciascuna rappresentazione è di € 16, ma acquistando biglietti per 2 o più spettacoli si riduce a € 15 per ciascuna serata.

Con la collaborazione del Gruppo Interesse Scala (GIS) di Seriate, a prezzi agevolati si potrà assistere ad alcuni spettacoli della Scala, partendo direttamente da Seriate. Dopo «Il don Giovanni» di W. A.Mozart e «Les contes d'Hoffmann» di J. Offenbach, ora la volta di due balletti: «L'altra metà del cielo» con musiche di Vasco Rossi e «Raymonda» con musiche di Aleksandr Glazunov.

Per maggiori informazioni sulle prevendite contattare l'Ufficio Cultura: 035.304.308 – 035.304.354.

e.roncalli

© riproduzione riservata