Giovedì 09 Febbraio 2012

Minoli racconta la Valle Brembana
Dai Tasso al brigante Pianetti

Quello che c'è dietro una produzione televisiva, ma anche quello che c'è dietro l'angolo di casa nostra. Magari nascosto sotto strati di polvere, ma sempre presente, nei meandri della memoria di qualcuno e pronto per essere gridato con la voce più squillante dell'epoca corrente, quella dei mass media: in modo che storie apparentemente dimenticate dal mondo, attraverso un'adeguata cassa di risonanza, possano trovare il giusto palcoscenico. E non serve spingersi chissà in quale luogo remoto: molte storie, per l'appunto, sono di casa in Valle Brembana, anche se ormai persino gli stessi abitanti se ne sono dimenticati.

San Pellegrino che era sede di due ministeri al tempo della Repubblica Sociale Italiana, il sistema postale inventato proprio da quelle parti o la vicenda di Simone Pianetti, prima emigrante e poi vendicatore: solo alcuni degli spunti che saranno approfonditi nello speciale documentario realizzato da Aldo Zappalà, che sarà proposto presumibilmente nel mese di aprile durante il programma Rai “La Storia Siamo Noi” condotto da Giovanni Minoli. Cinquanta minuti di approfondimenti in realtà ancora da realizzare, visto che il progetto è ormai delineato, ma la produzione vera e propria sarà concretizzata a breve.

E' in questo momento, appunto, che entra in gioco la collaborazione con l'università di Bergamo, attraverso il laboratorio di comunicazione “Il documentario televisivo dall'idea alla messa in onda”, tenuto dallo stesso Zappalà: sei appuntamenti di quattro ore ciascuno, ogni giovedì, aperti agli studenti delle facoltà di economia e giurisprudenza, ma diretti ai corsisti del Master in Marketing e Management per l'impresa internazionale presieduto dal professor Mauro Cavallone.

e.roncalli

© riproduzione riservata