Sabato 05 Maggio 2012

Ryder e Murgia, romantici
in cerca di Consenso

L'avevamo avvistato in accompagnamento a qualche canzone del Bepi, ma i pascoli musicali e poetici di Christian Ryder, all'anagrafe Bellini, sono altri, pur con un motivo in comune: l'osservazione della quotidianità. Ryder ama e suona il pop elettronico, ammette di essere uno spirito indipendente e canta «Non sono un playboy/ io sono un romantico».

Pur avendo scelto una musica che i detrattori spesso definiscono «di plastica», lui parla di sentimenti. Con i sentimenti. Esplora, anzi tenta di esplorare la testa e il cuore delle donne, «creature meravigliose quanto estremamente complesse». Nel brano “La struttura” – di cui trovate su Youtube il simpatico videoclip – Ryder e Daniele Murgia, il compagno di voci e suoni con cui forma il duo Consenso (da leggere tutto attaccato, perché loro anelano a riscuoterne, e anche Con-senso, come a dire che puoi cavar sale pure da un sintetizzatore), si vestono da improbabili scienziati, che cercano di elaborare la formula per comprendere il funzionamento della donna. Come va a finire non ve lo diciamo...

Ryder, 30 anni di Fino del Monte, e Murgia, 31 di Rovetta, amici dai tempi del liceo classico a Lovere, hanno dimestichezza con la multimedialità. Christian, studi universitari di cinema e regia alla Cattolica di Brescia, oggi è consulente di redazione a Mediaset (“Paperissima”,  “Striscia la notizia”...). Anche Daniele, laureato in filosofia, lavora a Milano. Per un'agenzia di comunicazione.

Cercare il consenso è in fondo il loro mestiere. Se lo troveranno con il cd che hanno sfornato sarà una festa, se non succederà resterà la soddisfazione di aver confezionato comunque “Un disco onesto” (reperibile contattando [email protected]). Presunzione? «No – spiega Ryder – è un disco di getto, nostrano, che dà la precedenza alle emozioni, senza ritocchi maniacali per raggiungere la perfezione sonora e senza pensare al marketing. Vuole un po' provocare per riflettere sul mondo che ci circonda, comprese le nevrosi e le ipocrisie».

Ma anche la bellezza femminile (dentro e fuori) impersonata, nella canzone “Sono un romantico”, da una certa Monica. Ascolti il pezzo e dici: «Christian, pensavi a Monica Bellucci». Invece, no, la Monica della canzone (che accende il cuore di un immaginario adolescente) lui la incrocia nei corridoi di Mediaset. È una giornalista. Chi? Monica Gasparini. Un modello di ispirazione – precisa Ryder che vive a Milano con Annalisa, la sua fidanzata fiorentina – «non certo un'infatuazione». Un disco onesto e un pizzico, ma proprio un pizzico, balòs...:-)

Per ascoltarli clicca qui

Andrea Benigni

r.clemente

© riproduzione riservata