Giovedì 07 Giugno 2012

Gli antichi ponti del Brembo
in una mostra a San Tomè

Culminano in una mostra e nella pubblicazione di un ricco opuscolo i quattro anni di intensa attività di studio e di ricerca che l'architetto Raimondo «Remo» Invernizzi ha dedicato ai ponti che varcano il fiume Brembo, da quando è ancora un torrente nei pressi del Passo San Marco - lungo l'antica strada «Priula» - fino a Brembate Sotto - quando il fiume sfocia nell'Adda -, passando per Olmo, San Giovanni Bianco, San Pellegrino, Sedrina, Almenno San Salvatore, Almenno San Bartolomeo, Briolo e Ponte San Pietro.

Nel percorso storico e artistico messo a punto dall'architetto Invernizzi - classe 1932, originario di Ponte San Pietro ma con studio a Bergamo, in via Paglia - sono anche compresi alcuni ponti che attraversano il fiume Imagna, che confluisce nel Brembo a Clanezzo.

La mostra ha aperto i battenti sabato 9 giugno nei prestigiosi spazi dell'Antenna Europea del Romanico - Museo di San Tomè, ad Almenno San Bartolomeo, in via San Tomè 2.

Esposti nelle sale del museo di San Tomè ci saranno cartografie storiche e materiale grafico e fotografico, il tutto raccolto in 22 pannelli di un metro per settanta centimetri, oltre ad alcuni disegni orignali eseguiti a matita su carta lucida e un plastico in gesso del vecchio ponte di Ponte San Pietro.

L'iniziativa, organizzata in collaborazione con il Museo San Tomè degli Almenno - Centro Studi Romanico Lombardo - Antenna Europea del Romanico, è patrocinata dall'assessorato alla Cultura e Spettacolo, Identità e Tradizioni della Provincia di Bergamo,dalla Comunità montana della Valle Brembana, dalla Comunità montana della Valle Imagna, dall'Ordine degli Architetti pianificatori paesaggisti e conservatori della provincia di Bergamo, dall'Ordine degli Ingegneri della provincia di Bergamo, dalla Ance Bergamo, e dai Comuni di Alme, Almenno San Bartolomeo, Almenno San Salvatore, Ponte San Pietro, Sedrina e San Pellegrino

La mostra resterà aperta fino a domenica 8 luglio, da martedì a venerdì dalle 10 alle 12, il sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 14.30 alle 18.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata