Lunedì 01 Ottobre 2012

Alta, bionda e con gli occhi azzurri
Bergamasca all'Elite Model Look

Diciassette anni appena, biondissima, occhi celesti, un metro e ottanta senza tacchi. Con un fisico così, difficile non pensare ad una carriera sulla passerella. Eppure, non ci fossero stati gli amici a suggerirle di provare, al mestiere di modella lei non avrebbe pensato. L'8 ottobre a Milano Chiara Mazzoleni, studentessa di Bergamo, si contenderà con altre 11 concorrenti la possibilità di accedere alla finale mondiale del concorso Elite Model Look, che vedrà impegnate nella competizione, il prossimo dicembre a Shanghai, 70 ragazze di tutto il mondo.

Un trampolino di lancio verso il dorato mondo della moda. Cindy Crawford e Gisele Bundchen sono due delle super modelle scoperte dalla Agenzia Elite, 35 sedi in 5 continenti e 2.000 modelle sotto contratto. L'avventura per Chiara è iniziata questa estate, quasi per gioco. Navigando in Rete ha trovato l'annuncio dell'agenzia Elite, ha risposto a un questionario, ha spedito una fotografia scattata tra le mura di casa, nulla di posato, e ha passato una prima selezione on line (da 1.000 a 500 candidate). A seguire il «casting live» ad Assago, le prime sfilate e le prime fotografie fatte da professionisti, e una seconda selezione che ha ridotto la scelta a 25 ragazze, «riconvocate e riviste senza trucco, in jeans, maglietta e tacchi alti», spiegano dall'agenzia milanese.

Le 12 aspiranti modelle rimaste in gara, l'8 ottobre, a Milano, parteciperanno al «Final Show» per accedere alla finalissima internazionale in Cina. Chiara, al terzo anno del liceo socio-psicopedagogico Secco Suardo, vive questa esperienza come dovrebbe fare una ragazza della sua età. Con il giusto entusiasmo e una buona dose di consapevolezza. «Vediamo come va, il mio sogno resta fare l'archeologa e certo non smetterò di studiare». Nel frattempo si gode l'avventura. «Partecipare al casting, incontrare modelle professioniste e imparare da loro a sfilare e a stare davanti all'obiettivo, trasformarsi grazie al trucco e a un bravo fotografo è stata un'esperienza di crescita - dice la ragazza -. Io sono piuttosto chiusa e timida, sto imparando ad aprirmi e ad acquisire più sicurezza in me stessa». Su tutto questo i genitori di Chiara vegliano con discrezione. «I miei genitori all'inizio non erano molto d'accordo, in particolare mio padre, ma adesso sono contenti».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata