Domenica 21 Ottobre 2012

Il concerto di Pino Daniele
Musica che si nutre di ritmo

La storia di «Due scarpe», e quel poco che basta: dirsi come va? Pino Daniele parte da lì: alle spalle Michael Baker alla batteria, lui al centro con la chitarra. Versione minimal solo corde, voce e ritmo. Il Creberg Teatro è mezzo pieno, l'ha atteso per mesi, ma finalmente Daniele è arrivato con «La Grande Madre»: ultimo album, ritorno al futuro di certi fuochi del «napolitan sound», senza rivangare il passato, partendo da quella fusione a caldo per andare ancora lontano, o semplicemente in fondo ai sentimenti.

Dal vivo Daniele è molto meglio che in fotografia. Rivive i pezzi della scaletta secondo l'estro del momento e dei suoi musicisti, bravissimi: Elisabetta Serio, al piano e alle tastiere, Gianluca Podio al piano, il già citato Baker, l'amico di sempre Rino Zurzolo al basso. È lui l'albero motore di una musica che si nutre di ritmo, sconfina nella fusion metropolitana, morde il blues, si perde nella dolcezza della melodia.

Leggi di più su L'Eco di lunedì 22 ottobre

m.sanfilippo

© riproduzione riservata