Debutta il film girato al Sarpi
La scuola vista dagli studenti

È pronto il film che racconta un anno di scuola. Gli anni e i giorni girato al Sarpi lungo tutto lo scorso anno scolastico sarà proiettato martedì 18 dicembre, alle 21 al Cinema Conca Verde. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Debutta il film girato al Sarpi La scuola vista dagli studenti

È pronto il film che racconta un anno di scuola. Gli anni e i giorni girato al Sarpi lungo tutto lo scorso anno scolastico sarà proiettato martedì 18 dicembre, alle 21 al Cinema Conca Verde. Chi non riuscirà a partecipare all'anteprima (a inviti più ingresso libero fino a esaurimento dei posti), potrà vederlo mercoledì 19 alle 21 al Cine Teatro Loverini di Gandino e di nuovo a Bergamo al Cinema Tasso in Città Alta al Seminarino, via Tassis 12, venerdì 21, sabato 22 e domenica 23 dicembre alle 21.

Gli anni e i giorni è il primo film sulla scuola raccontata solo dagli studenti, attraverso il punto di vista di un gruppo di maturandi del Sarpi. Ex sarpino è il regista, Beppe Manzi, e ex insegnante il co-sceneggiatore, Claudio Calzana. Alla proiezione privata per attori e troupe, alla fine piangevano tutti di nostalgia.

«I cinquantenni e i trentenni – racconta Manzi – ma pure i ventenni che avevano appena finito di raccontarci come stavano bene all'università. Perché gli anni di scuola ti segnano e la maturità è la fine di un mondo». Girato in forma di documentario, 90 minuti di durata, Gli anni e i giorni raccontano, con la colonna sonora di Warner Chappell, l'arrivo a un traguardo faticoso ed emozionante, mentre parallelamente emergono le vite di alcuni ex che, a distanza di una decina di anni, misurano il percorso fatto dalla porta della scuola alla loro vita presente.

«Nel corso del lavoro abbiamo alla fine rispettato l'idea originale - racconta il regista, al suo primo lungometraggio -. Abbiamo girato lungo tutto il corso dell'anno e poi rimontato più volte mentre il documentario prendeva la sua forma definitiva. L'idea è di offrire uno spaccato di una qualsiasi scuola italiana, così come la vivono gli studenti». Il film è stato prodotto da Associazione Officina Cultura e Territorio in collaborazione con Oki Doki Film e Officina della Comunicazione.

Leggi di più su L'Eco di lunedì 17 dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA