Martedì 23 Giugno 2009

Boldi salumiere in Città Alta
«Fiction specchio della realtà»

Chissà se ha assaggiato tra un ciack e l'altro i famosi manicaretti di Angelo Mangili dell'omonima salumeria. Di certo un bel panino con il salame bergamasco non se lo sarà fatto scappare Massimo Boldi, nel pomeriggio e per tutta la sera di martedì 23 giugno in Città Alta per girare alcune scene della fiction che vedremo nel 2010 su Canale 5 e che ha come protagonista principale il comico milanese.
Titolo della serie tv è «I fratelli Benvenuti», 12 puntate da 50 minuti l'una dove Boldi ed Enzo Salvi interpretano due fratelli alle prese con la loro salumeria che deve combattere contro la concorrenza spietata dei centri commerciali.

Un argomento di certo d'attualità e non mancheranno i risvolti comici data l'accoppiata che a Bergamo ha attirato sul set parecchi curiosi. Con i due comici, nella fiction ci saranno anche quattro donne decisamente molto attraenti: Barbara De Rossi, Elisabetta Canalis ed Elisabetta Gregoracci (al suo debutto cinematografico) con il grande ritorno sugli schermi di Gloria Guido. Cameo per un bergamasco d'eccezione: il direttore di Libero Vittorio Feltri.

In Città Alta la salumeria scelta dalla produzione non poteva che essere la storica salumeria Mangili di via Gombito, con il proprietario decisamente soddisfatto: «È stata una bella sorpresa ricevere la telefonata che chiedeva "ospitalità" nel mio negozio - racconta -. Non succede tutti i giorni di finire in un film: anche se al posto della mia storica insegna ci sarà quella di finzione dei Fratelli Benvenuti è sicuramente un gran piacere e un divertimento».

Un piacevole ritorno a Bergamo, infine, quello di Massimo Boldi che non è al primo ciack in Città Alta: «In piazza Vecchia ho girato alcune scene del film "Nessuno è perfetto" - racconta -. Era il 1981 e con me c'erano Renato Pozzetto e Ornella Muti». Ora cambiano i partner e il soggetto: «Questa nuova fiction è sicuramente d'attualità - spiega Boldi -, lo specchio di una realtà che ogni giorno viviamo e che cercheremo di raccontare anche con questa storia, sugli schermi dal 2010».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata