Giovedì 16 Luglio 2009

Lupi, malvagi e briganti
sul palco di «Borghi & Burattini»

La quattordicesima edizione di Borghi & Burattini, un ciclo di spettacoli di teatro di figura, prende vita nelle piazze di Bergamo e provincia. Il programma cittadino, inserito in Bergamo Estate 2009, avrà inizio il prossimo 26 luglio nell’immancabile cornice di Piazza Vecchia, sotto il Palazzo della Ragione. Il resto del programma si estende nel territorio provinciale, con spettacoli proposti nell’ambito di numerose feste comunali, religiose, sportive.

Una partecipazione molto significativa, che favorisce la promozione del teatro con i burattini e le marionette, forma di intrattenimento tra le più attese e per questo molto seguita dal pubblico bergamasco. Anche quest’anno è stato predisposto un ricco cartellone di rappresentazioni, con tecniche di animazione tra le più diversificate. Tutti gli spettacoli sono proposti all’aperto ma per ciascuno, in caso di pioggia, è previsto un luogo alternativo, asciutto e riparato. Lo scorso anno, il Palazzo della Ragione in Città Alta ha subìto un lungo e minuzioso restauro e così, a causa della presenza del cantiere, molti spettacoli in programma furono ospitati altrove.

Quest’anno, facciate e portici di Piazza Vecchia, dal rinnovato aspetto, tornano a comporre la meravigliosa cornice de La Piazza dei Burattini, ciclo cittadino di appuntamenti in Borghi & Burattini 2009. La rassegna, dal titolo «Lupi, malvagi, briganti», affronta il tema della malvagità, svelando colpe e innocenze di un mondo di teste di legno. Il 26 luglio, inaugura uno spettacolo dedicato al lupo dei tre porcellini e, la domenica successiva, c’è una commedia di Gioppino alle prese con una banda di briganti. Nel terzo appuntamento, Fagiolino s’imbatte in un mago malvagio mentre, il sabato successivo, ecco la classica storia di Cappuccetto Rosso e il lupo dalla grande fame. Nel giorno di gran festa patronale, si parla di lupi con le loro storie e disavventure. Il sabato seguente, ecco il leggendario Pacì Paciana «Ol padrù de la Val Brembana»: la più classica delle storie di briganti, con protagonista il ladro nostrano che rubava ai ricchi per donare ai poveri.

Nella prima domenica di settembre, si racconta di un mostro malvagio e dell’ingenuità di due poveri contadini. Infine, domenica 12 settembre, chiude la rassegna la fiaba dei musicanti teutonici, quattro anziani animali alle prese con la malvagità umana.

Info e programma: Fondazione Benedetto Ravasio, via Giacomo Trecourt 4, Bergamo tel. 035.401924 www.fondazioneravasio.com

e.roncalli

© riproduzione riservata