Bergamo, nuovo asilo nido  Aperto a Redona con 20 posti

Bergamo, nuovo asilo nido
Aperto a Redona con 20 posti

Presentato Femì – in greco «io parlo» – il nuovo asilo nido del quartiere di Redona. La nuova struttura, aperta con l’inizio delle scuole una decina di giorni fa, si trova negli spazi ristrutturati della ex Filati Lastex, ed è gestito dalla Cooperativa Sociale La Fenice.

Presentato Femì – in greco «io parlo» – il nuovo asilo nido del quartiere di Redona. La nuova struttura, aperta con l’inizio delle scuole una decina di giorni fa, si trova negli spazi ristrutturati della ex Filati Lastex, ed è gestito dalla Cooperativa Sociale La Fenice. Il nuovo Nido è collocato in un’area particolarmente verde della città, in quanto gode della vicinanza del parco Turani: sarà un’importante apertura per i giochi e le avventure dei bimbi dai 3 ai 36 mesi che lo frequenteranno. La Cooperativa La Fenice e il Comune di Bergamo hanno stipulato una convenzione grazie alla quale 20 bambini potranno accedere al servizio alle tariffe comunali.

«Da settembre, dopo oltre trent’anni di attesa, anche il quartiere di Redona a Bergamo ha un Nido: Femì. Il nuovo servizio è stato realizzato su richiesta del Comune di Bergamo dalla Cooperativa Sociale La Fenice, che ringrazio a nome di tutta l’Amministrazione» spiega l’Assessore all’Istruzione Loredana Poli, «Quello degli asili nido è un tema al quale l’Amministrazione è molto attenta: basti pensare al rifacimento del nido di Loreto, che sarà pronto entro l’anno con ambienti e impianti rifatti».

«Credo sia doveroso un grazie a tutti quelli che negli anni hanno tenuto vive la volontà e la forza per avere un Nido nel quartiere di Redona» aggiunge Fabrizio Persico, Presidente della Cooperativa La Fenice «Un grazie particolare a monsignor Colombo, che oggi purtroppo non c’è più e non potrà vedere quel nido che non sarebbe mai arrivato senza di lui. Come in ogni campo, le risorse economiche impegnate non bastano a garantire la qualità: serve passione e curiosità, elementi con i quali iniziamo questo nuovo progetto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA