Cinema, Integrazione Film Festival In sala e in streaming dal 20 ottobre

Cinema, Integrazione Film Festival
In sala e in streaming dal 20 ottobre

Concorso cinematografico internazionale sull’integrazione tra persone di diverse appartenenze culturali: in anteprima film documentari e cortometraggi di fiction a Bergamo e Sarnico, dal 20 al 24 ottobre.

Prende il via da martedì 20 ottobre la 14esima edizione di IFF - Integrazione Film Festival, concorso cinematografico internazionale sull’integrazione tra persone di diverse appartenenze culturali e provenienze nazionali. Organizzato da Cooperativa sociale Ruah e Lab 80 film, si svolge a Bergamo e Sarnico, fino a sabato 24 ottobre, con tre giornate di proiezioni ed eventi in sala e una giornata di proiezioni in streaming. Ci saranno in anteprima i 22 film in concorso, di cui 17 cortometraggi di fiction e cinque film documentari, oltre a tre film fuori concorso.

Ospite d’onore dell’edizione 2020 l’attrice afro-francese Manda Touré, diventata famosa in Italia come protagonista femminile del film Tolo Tolo di Checco Zalone. Manda Touré dialogherà col pubblico così come faranno oltre dieci registi e protagonisti che saranno ospiti di IFF.
E farà tappa a IFF 2020 anche Emergency, l’organizzazione non governativa fondata da Gino Strada che nei mesi scorsi ha svolto un importante ruolo nella cura dei malati di Covid 19 all’Ospedale di Bergamo e che da anni lavora ad un progetto dedicato al cinema.

Due i Premi in palio per i film in gara: quello per il Concorso internazionale per film documentari e quello per il Concorso internazionalE per cortometraggi di finzione.

Guarda il servizio di presentazione di Bergamo Tv

_

Un’edizione speciale

La 14esima edizione è particolare: avrebbe dovuto svolgersi lo scorso aprile ma, a causa del lock down, è stata rinviata in autunno. Per garantire la sicurezza del pubblico e degli ospiti, non soltanto saranno rispettate tutte le norme di sicurezza previste all’interno delle sale cinematografiche (mascherine, distanze, controllo della febbre e disinfezione delle mani) ma è stato anche deciso di “accogliere” gli ospiti soltanto in collegamento virtuale. Manda Touré e gli altri registi e protagonisti non saranno quindi in sala ma collegati in video conferenza: sarà così che risponderanno alle domande del pubblico e potranno testimoniare la loro volontà di supportare il Festival (faranno eccezione i registi dei film vincitori, che potranno ritirare i premi di persona durante la serata finale).

Guarda il trailer del festival.

Tutti i film in programma, anche quelli la cui proiezione è prevista in sala, potranno essere sempre seguiti in streaming accedendo al sito www.iff-filmfestival.com; la stessa modalità di accesso è prevista per la giornata di venerdì 23 ottobre, che si svolgerà completamente on line.

Spiega Giancarlo Domenghini, Direttore di IFF: «È importante che il nostro Festival si svolga, nonostante le grandi difficoltà organizzative legate al Covid e il dolore che ha colpito il territorio bergamasco, perché il tema del “noi” che esploriamo può essere di utilità alla “prossimità sociale” auspicata in un tempo caratterizzato dal distanziamento. Ci servirà per interrogarci su nuove declinazioni di integrazione, su quali puntini della “i” del nostro logo (inclusione, identità, intercultura) saranno necessari per il futuro, migliore, che ci aspetta».

«La qualità della proposta cinematografica di IFF cresce ogni anno di più - aggiunge Sergio Visinoni, di Lab 80 film -. I cortometraggi e i documentari che abbiamo scelto sanno raccontare la realtà e, attraverso il filtro dell’occhio cinematografico, ci aiutano a comprendere le complessità in cui viviamo. Importante quest’anno è stata la scelta di proiettare sia in sala che in streaming: ci adeguiamo giustamente alla necessità di “distanziamento” ma teniamo a mantenere il contatto col nostro pubblico, gestendo la sala in assoluta sicurezza».

Dice Laura Resta, Responsabile Area Cultura di Cooperativa Ruah: «Per questa edizione abbiamo lavorato in modo particolare per allargare la rete delle collaborazioni, coinvolgendo un maggior numero di partner del terzo settore e di associazioni di cittadini di origine straniera. Allo stesso tempo abbiamo lavorato per coinvolgere nella riflessione anche ambiti di vita che spesso vengono poco considerati. Con il film fuori concorso Il passo di Mohamed Hossameldin, ad esempio, affrontiamo la questione dell’inclusione di persone portatrici di altre culture nell’attività sportiva, in particolare nella danza, dove sono ancora pochissime le danzatrici che indossano il velo. Provocatoriamente chiediamo: le scuole di danza sono pronte ad includere questa diversità?».

Film e ospiti
I film selezionati per la 14esima edizione sono tutti stati scelti perché considerati capaci di indagare i temi dell’inclusione, dell’identità e dell’intercultura come elementi chiave dell’integrazione possibile tra persone di diversa appartenenza culturale o provenienza. Racconti cinematografici che arrivano da Italia, Turchia, Francia, Svizzera, Stati Uniti, Uruguay e che sanno mostrare esperienze positive di integrazione e convivialità delle differenze in diversi luoghi del mondo.

Il Festival sarà inaugurato, martedì 20 ottobre, da Manda Touré: alle 20,45, all’Auditorium di piazza Libertà di Bergamo, una presentazione filmata del suo lavoro di attrice e del suo impegno a favore dell’integrazione, cui seguirà la proiezione del film fuori concorso Exotique di Soraya Milla (Francia, 2015, 15’), con la stessa Touré, negli anni scorsi già selezionato a IFF. Al termine Touré e Milla dialogheranno col pubblico.

A seguire saranno proiettati sei film in concorso, sia corti che documentari, in collegamento con i registi.

Una presenza importante per IFF è poi quella del regista italiano di origini egiziane Mohamed Hossameldin, amico del Festival e già presente in diverse edizioni. Quest’anno porta (fuori concorso) Il passo (Italia, 2017, 19’), un film che racconta la difficoltà di operare nel mondo dello spettacolo per le danzatrici che indossano il velo. Il passo aprirà la seconda serata, mercoledì 21, alle 20,45 all’Auditorium di piazza Libertà a Bergamo. Dopo la proiezione una performance di danza della ballerina Engy El Shazly che poi dialogherà col pubblico insieme allo stesso Hossameldin e alla danzatrice protagonista del film, Giulia Bellotti.

A seguire la proiezione di sei film in concorso, in collegamento con i registi.

La terza serata, venerdì 23, sarà tutta in streaming: in programma, dalle 18,30, dieci film in concorso, corti e documentari. Tra i titoli La linea immaginaria dei bergamaschi Paolo Bonfanti e Alessandra Beltrame (Italia, 2019, 40’), ‘A livella de’ creature di Angelo e Pierfrancesco Borruto (Italia, 2019, 14’), Mother Mariam di Mustafa Gürbüz (Turchia, 2020, 8’) e Uno de nosostros di Facundo Sosa Ferreira (Uruguay, 2019, 1’).

Per la serata di chiusura il Festival si sposta a Sarnico, dove è nato 15 anni fa come piccola rassegna in omaggio a un territorio ricco di diversità culturali e di provenienza. Sabato 24, dalle 20,45 al Cineteatro Junior, la serata è dedicata ai film vincitori. Prima di proclamarli, però, spazio alle collaborazioni.

In apertura la premiazione dei vincitori di un evento collaterale di IFF, il Premio fotografico Ulisse Belometti, intitolato al celebre fotografo del territorio del Sebino e dedicato a sua volta all’integrazione. A seguire la presentazione del Premio Cinematografico Mutti di Bologna, dedicato al cinema migrante, con la proiezione di alcuni estratti di film realizzati grazie al Premio stesso.

E poi Emergency: prima la proiezione del cortometraggio L’ape regina di Nicola Sarcinelli (Italia, 2019, 13’), realizzato a seguito del primo bando di concorso “Una storia per EMERGENCY” dedicato al tema dell’accoglienza, a seguire il dialogo con Michele Iacoviello, Coordinatore delle Cliniche mobili del Programma Italia di Emergency.

Durante la serata, insieme ai due Premi principali, saranno assegnati anche una Menzione speciale della Giuria e, per la prima volta, il Premio del Pubblico, stabilito dai giudizi che gli spettatori avranno dato dopo la visione dei film (in sala e in streaming).

Nadia Ghisalberti, assessora alla Cultura del Comune di Bergamo: «Il cinema è, tra le espressioni artistiche, quella di più immediata fruizione, veicolo efficace per diffondere valori oggi più che mai fondamentali come l’integrazione. Per questo IFF è un festival prezioso. E sono particolarmente soddisfatta nel vedere che, nonostante le difficoltà, Cooperativa Ruah e Lab 80 siano stati in grado di organizzarlo, adattandolo alle restrizioni legate all’emergenza sanitaria, con proiezioni in streaming e collegamenti da remoto. È solo attraverso un impegno profondo e costante che possiamo sostenere un vero cambiamento, superare gli stereotipi e aprire le nostri menti alle tante provenienze culturali e nazionali di cui sono fatte le nostre società contemporanee»

Marzia Marchesi, assessora alla Pace del Comune di Bergamo: «Dopo il doloroso periodo dell’emergenza, Bergamo guarda al futuro dando di nuovo spazio e respiro a quanto è rimasto in apnea per mesi. Benvenuta 14esima edizione di IFF - Integrazione Film Festival. L’integrazione è un tema complesso che riguarda la dimensione personale e collettiva, economica e sociale, storica e culturale. Ma, proprio per questa peculiarità intricata ed eterogenea, l’arte rappresenta spesso il primo, se non l’unico, linguaggio possibile con cui affrontarla evitando il conflitto. Il mio augurio quindi per il Festival è di rappresentare ancora una volta un luogo di emozioni e, soprattutto, di incontro, conoscenza e di proficuo dialogo interculturale».

Romina Russo, delegata alla Cultura per la Provincia di Bergamo: «Con grande piacere sosteniamo anche quest’anno questo Festival, così cresciuto e ormai consolidato sul territorio. Condividiamo i valori che stanno alla base di questo progetto e crediamo che le istituzioni abbiano il compito di valorizzare iniziative come Integrazione Film Festival, che rappresentano veicoli per raccontare il dialogo e per costruire una società migliore, più umana».

Il programma e le informazioni dettagliate sul Festival si trovano sul sito internet www.iff-filmfestival.com. L’ingresso è sempre libero e gratuito ma è necessario prenotare, accedendo al sito di IFF si troverà il link per prenotare in evidenza.

I film vengono tutti proiettati in lingua originale con sottotitoli italiani (quando non sono in italiano).

Per la visione in streaming, è necessario registrarsi alla piattaforma dedicata tramite il sito www.iff-filmfestival.com.

In caso vengano presi provvedimenti restrittivi non prevedibili, il programma resterà invariato e il Festival si svolgerà completamente in streaming. Per gli spettatori dell’Auditorium di Bergamo è prevista una convenzione con il parcheggio sotterraneo di Piazza Libertà: carnet utilizzabile in qualsiasi fascia oraria, 2,50 euro per tre ore (acquistabile al banco accoglienza in sala).

Programma

Martedì 20 ottobre - ore 20,45

Bergamo - Auditorium Piazza della Libertà e streaming

Presentazione di Manda Touré con brevi proiezioni dei suoi ultimi film

EXOTIQUE di Soraya Milla, con Manda Touré (Francia, 2015,15’)

Q&A con Soraya Milla e Manda Touré

a seguire

Presentazione e proiezione dei film in concorso:

VITILIGO di Soraya Milla (Francia, 2019, 06’.29’)

REPRESENT di Chris Heck (Usa, 2019, 6’)

ABBASSA L’ITALIA -The Cracker Effect di Giuseppe Cacace, Alfredo Fiorillo (Italia, 2019, 15’)

BONOBO di Zoel Aeschbacher (Svizzera, 2018, 18’)

FREUNDE di Vladimir Di Prima e Lavinia Zammataro (Italia, 2019, 11’)

NEW NEIGHBOURS di Sara Burgio, Andrea Mannino, Giacomo Rinaldi (Italia, 2018, 5’)

Q&A con i registi collegati in videoconferenza

Mercoledì 21 ottobre - ore 20,45

Bergamo - Auditorium Piazza della Libertà e Streaming

IL PASSO di Mohamed Hossameldin (Italia, 2017, 19’)

Performance di danza con Engy El Shazly

Q&A con Mohamed Hossameldin, Giulia Bellotti e Engy El Shazly

a seguire

Presentazione e proiezione dei film in concorso:

NOVECENTONOVANTANOVE di Lorenzo J. Nobile (Italia, 2020, 12’)

I AM FATOU di Amir Ramadan (Italia, 2019, 18’)

LAMIYA di Giovanni Piperno (Italia, 2019, 15’)

PIZZA BOY di Gianluca Zonta (Italia, 2019, 15’)

CONFIDARE di Gianfranco Faini (Italia, 2019, 3’)

LOVERS di Alexandre Brisa (Francia, 2019, 3’)

Q&A con i registi collegati in videoconferenza

Venerdì 23 ottobre - ore 18,30

Streaming

Proiezione dei film in concorso:

SUITCASE STORIES di Stefano Scarafia (Italia, 2019, 23’)

LA LINEA IMMAGINARIA di Paolo Bonfanti, Alessandra Beltrame (Italia, 2019, 40’)

- ore 20,45

Presentazione e proiezione dei film in concorso:

IL POSTO DELLA FELICITA’ di Aliosha Massine (Italia, 2019, 15’)

C’È DI MEZZO IL MARE di Davide Angiuli (Italia, 2019, 5’)

PRATOMAGNO di Paolo Martino, Gianfranco Bonadies (Italia, 2019, 29’)

‘A LIVELLA DE’ CREATURE di Angelo Borruto, Pierfrancesco Borruto (Italia, 2019, 14’)

PLAYGROUND ADDICTION di Carlo Furgeri Gilbert, Niccolò Rastrelli, Marzio Mirabella (Italia, 2019, 12’)

MOTHER MARIAM di Mustafa Gürbüz (Turchia, 2020, 8’)

ISACC di Alessandro Stevanov (Italia, 2020, 20’)

UNO DE NOSOTROS di Facundo Sosa Ferreira (Uruguay, 2019, 1’)

Q&A con i registi collegati in videoconferenza

Sabato 24 ottobre - ore 20,45

Sarnico-Cineteatro Junior e Streaming

Premiazione concorso fotografico Premio Ulisse Belometti

Presentazione e proiezioni Premio cinematografico Mutti

Proiezione APE REGINA di Nicola Sarcinelli (Italia, 2019, 13’), prima edizione Bando di concorso “Una storia per EMERGENCY”

Proiezione e premiazione film vincitori Cortometraggi e Documentari

Premio del pubblico

Premio Menzione speciale della giuria

IFF - Integrazione Film Festival è promosso da Cooperativa sociale Ruah con Lab 80 film.

È organizzato con il sostegno di: Cooperativa Il Pugno Aperto, Cooperativa Ecosviluppo, Ufficio Pastorale Migranti – Diocesi di Bergamo, Conf-Cooperative Bergamo, Consorzio SolCo Città Aperta, Cooperativa Aeper, Cooperativa Bergamo e Lavoro, Persico Group.

Con il Patrocinio e il sostegno di: Comune di Bergamo, Provincia di Bergamo, Comunità Montana dei laghi Bergamaschi. Con il Patrocinio del Comune di Sarnico. Con la collaborazione di: Associazione Toubkal, Associazione Simira, Associazione Ghanesi Bergamasca - Ghana National Association BG, Associazione Tringa, Associazione Mondo Internazionale, Associazione Immaginare Orlando, Agenzia per l’integrazione, Rete della Pace Bergamo, Coordinamento Provinciale Enti locali per la pace e i diritti umani, Pro Loco Sarnico, Cine Junior – Oratorio di Sarnico, Ufficio sociale Basso Sebino, Premio Mutti,

Acli, Emergency. Festival Partner: Primed, Orlando. Identità, relazioni, possibilità, Festival Danza Estate, Molte fedi sotto lo stesso cielo. Mediapartner: Vita, L’Eco di Bergamo, Eppen, Bergamo TV.

Informazioni per il pubblico
www.iff-filmfestival.com
, i[email protected], 035.4592548 (interno 3)


© RIPRODUZIONE RISERVATA