Concorso internazionale di cortometraggi Ci sono anche 10 classi bergamasche

Concorso internazionale di cortometraggi
Ci sono anche 10 classi bergamasche

Sono cinquanta classi delle scuole medie superiori, tra cui una decina quelle bergamasche, che hanno aderito all’iniziativa «Giovani Idee 2015 – Cibo, Cultura e Identità».

Si tratta del Concorso internazionale per cortometraggi realizzati da studenti delle scuole superiori di secondo grado, organizzata dall’Associazione «Giovani Idee» di Bergamo in collaborazione con la Fondazione Robert Schuman di Varsavia, la Fondazione Donat-Cattin di Torino e la Famiglia Ruffini di Lovere.

«Un evento culturale – spiega Gianpietro Benigni, organizzatore dell’iniziativa con Giancarlo Borra – che è l’ideale prosecuzione degli “Incontri di Saint-Vincent” che negli anni ‘70 e ‘80 riuniva le intelligenze più vive a confrontarsi per disegnare uno Stato moderno senza barriere ideologiche, esclusioni o pregiudizi, con un obiettivo comune: tornare ad una democrazia partecipata dove le identità, nazionale ed europea, sono prioritarie rispetto ad ogni altro traguardo».

Sopra gli studenti partecipanti al Concorso 2012 in visita alla città di Bergamo. Qui gli studenti polacchi e ungheresi all’edizione 2013

Sopra gli studenti partecipanti al Concorso 2012 in visita alla città di Bergamo. Qui gli studenti polacchi e ungheresi all’edizione 2013

«Quest’anno – prosegue Benigni - l’abbiamo legato al tema dell’alimentazione, quindi i ragazzi dovranno realizzare, durante questo anno scolastico, un cortometraggio sul tema “cibo cultura e identità” elemento identitario su cui c’è molto interesse. La manifestazione prevede tra momenti: quello più importante è il concorso di cortometraggi al quale si affiancano altre due iniziative complementari».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 25 ottobre


© RIPRODUZIONE RISERVATA