Giornate del Fai il 25 e 26 marzo  Sarnico al centro, ecco tutti i luoghi aperti

Giornate del Fai il 25 e 26 marzo
Sarnico al centro, ecco tutti i luoghi aperti

Il 25 e 26 marzo tornano le tradizionali e bellissime giornate del Fai: con la primavera si aprono località e luoghi spesso e volentieri chiusi al pubblico. In tutto sono un migliaio in Italia, nella Bergamasca Sarnico è la protagonista assoluta della manifestazione.

Il 25 e 26 marzo tornano le tradizionali e bellissime giornate del Fai: con la primavera si aprono località e luoghi spesso e volentieri chiusi al pubblico. In tutto sono un migliaio in Italia, nella Bergamasca Sarnico è la protagonista assoluta della manifestazione.

Tra i luoghi visitabili a Sarnico, per l’elenco completo cliccare qui (tutte le istruzioni anche nel pdf allegato), ci sono: l’esterno dell’asilo Faccanoni, i cantieri Riva (ingresso esclusivo per gli iscritti Fai), il centro storico «La Contrada», la chiesa dei Santi Nazario e Rocco, la chiesa di San Paolo; la chiesetta di San Giovanni Battista, il Mausoleo Faccanoni, il Palazzo La Rocchetta, la Parrocchiale di San Martino, la Pinacoteca Bellini, la chiesetta Stella Maris, Villa Passeri (ingresso esclusivo per gli iscritti al Fai), Villa Surre, la traversa fluviale e la diga a Borgo Frosio.

Villa Surre a Sarnico

Villa Surre a Sarnico

Oltre alle tante mete da visitare nella località lacustre, nella Bergamasca sarà possibile visitare la centrale idroelettrica Enel Green Power di Gandellino, dove sarà accessibile anche la chiesa di San Martino Vescovo. Ci si potrà poi spostare a Castelli Calepio per visitare la chiesetta di San Giovanni Battista, ad Almenno San Salvatore per ammirare il Convento di San Nicola, a Roncobello il Mulino Maurizio Gervasoni (visitabile tutto l’anno), a Gromo Palazzo Milesi; a Brignano Gera d’Adda Palazzo Vecchio e Palazzo Nuovo e il Santuario della Madonna dei Campi mentre ad Ardesio sarà visitabile il Santuario della Beata Vergine delle Grazie. Infine a Bergamo sarà visitabile l’ex Colonia del Polaresco e il Convento di San Francesco, in Città Alta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA