Il genio di Tiepolo strega Bergamo Affluenza record, giovedì parla Villa

Il genio di Tiepolo strega Bergamo
Affluenza record, giovedì parla Villa

Affluenza da record: «Tiepolo, genio del secolo», esposizione dedicata al Settecento con opere di Giambattista Tiepolo e di altri grandi artisti del tempo, ospitata fino al prossimo 28 ottobre nel Palazzo del Credito Bergamasco, in Largo Porta Nuova 2, di Bergamo, ha già fatto registrare, in dieci giorni di apertura, oltre 8mila visitatori.

Dopo il successo dell’ultimo fine settimana, con 2.760 accessi, il numero dei visitatori ad oggi si attesta a 8.500. Dimostrazione della forza attrattiva dell’esposizione, del vasto interesse che sempre suscitano gli eventi culturali promossi dalla Fondazione Creberg e dell’eccezionale capacità di Bergamo di mettere in campo sinergie capaci di attrarre visitatori, che provengono da tutte le provincie lombarde, e molti dall’estero.

L’esposizione, dedicata a uno dei maggiori artisti del Settecento veneto «in dialogo» con un folto gruppo di artisti a lui contemporanei, con capolavori provenienti dalle sale di Palazzo Chiericati dei Musei Civici di Vicenza, sta infatti riscuotendo notevoli consensi anche fuori dalla Lombardia e dall’Italia, interessati ad ammirare oltre ai dipinti e ai disegni di Giambattista Tiepolo (tra cui il restauro conservativo «La Verità Svelata dal Tempo», originariamente collocato sul soffitto di Palazzo Cordellina a Vicenza), i capolavori assoluti di Giandomenico Tiepolo, Louis Dorigny, Sebastiano e Marco Ricci, Francesco Aviani, Luca Carlevarijs, Giambattista Piazzetta e Giambattista Pittoni.

Opere che danno il senso profondo della qualità dei tesori conservati a Palazzo Chiericati e del loro inestimabile valore non solo per il territorio di appartenenza, divenendo veri e propri ambasciatori dell’arte veneta e dell’importanza da essa rivestita in seno all’arte europea per almeno cinque secoli. Tre delle opere in mostra sono state restaurate con il sostegno di Immobiliare Percassi. In Sala Consiliare di Palazzo Creberg, inoltre, sono esposte due opere di Giovanni Paolo Cavagna e due capolavori di Giovan Battista Moroni, restaurati dalla Fondazione Credito Bergamasco.

E ad accompagnare la mostra, un nuovo importante appuntamento culturale: dopo il successo del concerto barocco tenutosi a Palazzo Creberg la scorsa settimana, giovedì 20 ottobre, alle ore 18, presso il Salone principale del Palazzo, è in programma la serata «Suggestioni sul Tiepolo» a cura del prof. Giovanni Carlo Federico Villa – il curatore della Mostra – che incanterà il pubblico accompagnato dalle note della musicista Camilla Finardi. Un appuntamento imperdibile con ingresso libero fino a esaurimento posti a sedere.

Infine, continua la distribuzione «a richiesta» delle cartoline tematiche a tiratura limitata dedicate dalla Fondazione Creberg alla mostra con, in occasione dell’ultima domenica di apertura, il 23 ottobre, la possibilità di ottenere – dalle ore 9.30 alle ore 14.30, presso la reception del Salone principale di Palazzo Creberg – lo speciale annullo filatelico per le suddette cartoline, con il timbro appositamente creato per l’occasione.

Il prossimo sarà l’ultimo fine settimana di apertura; la mostra a Palazzo sarà visitabile sabato 22 ottobre dalle 14.30 alle 19.30 (con visite guidate gratuite per chi lo desidera a partire dalle 14.30) e domenica 23 ottobre dalle 9.30 alle 19.30 (con visite guidate gratuite per chi lo desidera con inizio alle ore 9.30, 10.30, 11.30 e ogni ora dalle ore 14.30).

L’apertura nei giorni feriali segue gli orari della filiale del Credito Bergamasco di Largo Porta Nuova (8.20 - 13.20, 14.50 - 15.50). Per saperne di più: www.fondazionecreberg.it e alla pagina Facebook «Fondazione Credito Bergamasco». L’ingresso è libero ed è in distribuzione gratuita il catalogo illustrato a corredo dell’esposizione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA